2 gennaio 2011

Pasticciotti di Pantelleria

Ecco finalmente un'altra di quelle ricette che ho sempre voluto scrivere nel blog, non ho potuto fino ad ora perchè la nonna li prepara solo una volta ogni taaaanto tempo, ma sono buonissimi, piccoli piccoli, specialmente da caldi.. belli morbidi con il ripieno di marmellata....
Anche questa fa parte delle ricette tradizionali pantesche così che un giorno quando nn ci sarà più la nonna, l'unica che in casa li sa fare io non perda il sapore di questi piccoli dolcetti che hanno accompagnato parti della mia infanzia.


Questi sono dolcetti che le signore pantesche facevan in casa ed ancora sicuramente ci sarà qualcono che li fa, ma purtroppo non li ho mai trovati in nessuna pasticceria di Pantelleria: anche loro perdno perdno parte della tradizine per assecondare i gusti dei turisti che prediligono le solite cassatine, mustazzoli o cannoli.. anche se i pasticciotti non hanno nulla da invidiare a questi dolcetti.

 Ingredienti
Per la pasta:
1,5 Kg di farina di tipo 00
550 gr di zucchero
9 tuorli e 8 albumi
400 gr di strutto ammorbidito
100 gr di burro ammorbidito
vanillina a volontà (minimo 3 o 4 bustine... anche se noi abbiamo usato questa essenza di vaniglia)
buccia di 2 limoni grattugiata
20 gr di cremor tartaro
120 gr di bicarbonato di sodio
Per il ripieno:
Marmellata: classicamente si usa o marmellata di arance amare o di uva zibibbo.
per la decorazione:
glassa: 2 albumi, 350 gr di zucchero a velo, succo di 1 limone
e codette colorate, perline, ciliegine candite...insomma a vostra scelta.

n.b.! mia nonna usa quantità industriali per poi regalare a sorelle e altri parenti i pasticciotti che si conservano perfettamente anche in una scatola di latta, quindi vi consiglio di dimezzare le dosi!!

Procedimento:
(attenzione è un pò lungo e laborioso...)

  • Iniziate a lavorare bene le uova con lo zucchero fino ad ottenere un bel composto , aggiungete adesso gli aromi: la buccia del limone e la vaniglia.
  • Adesso doverete amalgamare bene al cmposto i grassi: ovvero il burro e lo strutto: otterrete un impasto cremoso al quale poco alla volta dovrete aggiungere tutta la farina.
  • Quando avrete impastato metà della farina al composto sciogliete in un bicchiere di latte il bicarbonato ed il cremor tartaro ed unitelo all'impasto.
  • Continuate ad impastare fino a che non averete aggiunto tutta la farina.
  • A questo punto dovrete mettere a riposare la pasta in un lugo fresco per circa 3 ore.
  • Una volta pronta la pasta preparate i pirottini di carta.
  • Allungate dei salamotti di pasta fino a formare un filoncino come quello degli gnocchi e poi proprio cme per questi tagliatene dei piccoli tocchetti lunghi circa 1,5 cm.
  • Mettete ogni tocchettino in un pirottino e con le mani schiacciatelo  ad ottenere la base del pasticciotto.
  • Sopra ogni base aggiungete un pò di marmellata.
  • A questo punto non resta che chiudere i pasticciotti: il procedimento è lo stesso della base, ma dovrete allargare bene il tocchettino di pasta con le dita anzi che farlo nel pirottino e cercare di coprire bene il pasticciotto chiudendo bene i bordi con le dita per eviatre che in cottura esca la marmellata.
  • Non resta che cuocerli adesso! ma fate attenzione perchè si bruciano subito! infornateli a forno preriscaldato a 160-170°C per circa 20 25 minuti.
  • Prima di decorarli dovrete farli freddare: quindi nel frattempo preparate la glassa: mescolare con le fruste elettriche gli albumi e lo zucchero a velo aggiungendo il succo di 1 limone.
  • Non mettete la glassa da nessuna parte, prendetela semplicemente con un cucchiaino e colatela sopra i pasticciotti, decorate con codette, perline o ciligine candite.
Sono finalmente pronti! dovrete solo riporli in una scatola di latta ;)

Ti potrebbe interessare anche:

9 Commenti

  1. grazie, ricetta bellissima e mi piace tanto anche l'idea di farli e riporli nella scatola di latta :)

    RispondiElimina
  2. Che bei dolcetti...mi piacciono! Complimenti davvero!

    RispondiElimina
  3. Che emozione.....i dolci della tradizione mi mettono una strana malinconia perchè non è giusto che si perdano. Brava, sarai la memoria e noi con te di un pezzo di vita che inesorabilmente diventerà lontana.......

    RispondiElimina
  4. che belli i dolci tradizionali e chissà che profuno di vaniglia, una delizia!!

    RispondiElimina
  5. Che meraviglia... mi autoinvito per il tea!!! bacio e buon anno!!!!

    RispondiElimina
  6. Fantastica ricetta e farla credo davvero ne valga la pena!Un abbraccio e buon anno nuovo!

    RispondiElimina
  7. i biscotti della tradizzione mi piacciono molto perchè dietro una ricetat c'è un passato.ottimi! buon 2011

    RispondiElimina
  8. nn li conoscevo,particolarissimi davvero :)

    RispondiElimina
  9. Sono dei dolcetti da favola! Sarà che le ricette tradizionali mi incantano sempre, ma davvero più guardo questi pasticciotti e più me ne innamoro... :-)
    Auguroni per uno sfavillante 2011!!!

    RispondiElimina

Lettori fissi

Google+ Followers

Instagram