Baci di Pantelleria

Avete mai fatto caso che certe città ce le immaginiamo di giorno ed altre di notte?
Perchè se penso ad Arezzo e Perugia me le immagino di giorno invece tutte le altre città d'Italia me le immagino di notte?!
Vi prego ditemi che non sono l'unica, ditemi che anche voi le città vicine le immaginate di giorno invece il resto di notte! altrimenti mi sento un pò strana... eheh
E adesso, perdonatemi ma me ne vado a votare! ^________^


Se c'è una cosa che andando a Pantelleria non potete non assaggiare sono questi... no, non è vero! eheh è un peccato non solo per questi, ma proprio per tutto!
E' una vita che cercavo gli stampini per le "scorce" ovvero la parte esterna... è una vita che devo mandare le foto ad Alem di questi stampi.... ma li avevam persi :( è si! introvabili.
Stamani invece sbucano fuori... con naturalezza erano sempre stati in quel posticino nascosto...
Come non utilizzarli subito?! *__*
che poi è una ricetta davvero veloce! in 10 minuti avete i vostri baci di Pantelleria ;)
Perdonami Ale per il ritardo... il moooooolto ritardo in effetti, ma ce l'ho fatta, li abbiamo ritrovati dopo un falso allarme della nonna che credeva di averli messi in un armadio... ma va bèh ... lo sai come sono le nonne pantesche eheh ;)


Ingredienti per 16 frittelle (ovvero 8 baci panteschi)
Per il ripieno

300 gr di ricotta (noi di mucca)
50 gr di canditi misti (la ricetta tradizionale NON li prevede.. ma a noi piacciono :)
goccie di cioccolato a piacere
1 cucchiaio di zucchero
cannella qb per profumare
Per le "scorce"
2 uova di gallina felice!!
120 gr di latte
150 gr di farina
2 gr di lievito di birra

nb!! non mettete lo zucchero assolutamente! ** la nonna solo dopo che avevamo fatto la prima pastella che proprio si attaccava rovinosamente allo stampo aprendo il suo quadernetto ha visto che lo zucchero non deve esserci!.... nonna magari dirlo prima.... eheheh
cmq con la pastella gisuta è semplicissimo!
Procedimento:
  • Preparate il ripieno amalgamando con una forchetta alla ricotta gli ingredienti del ripieno e ponete in frigo.
  • Adesso preparate la pastella amalgamando tutti gli ingredienti anche questi con una forchetta.
  • A questo punto dovrete far scaldare l'olio di semi per friggere, una quantità che vi permetta di friggere ad immersione;
  • Quando l'olio sarà ben caldo prendete il ferro e scaldatelo nell'olio, dovrà esser caldo non bruciare!
  • Intingete lo stampo nella pastella possibilmente non superando l'orlo superiore e di nuovo immergetelo nell'olio, vedrete che in un minuto la frittelle sarà staccata dal ferro e bella pronta ^_^
Eccole qui ^_^
  • A questo punto non resta che riempire una frittella con la ricotta condita, per poi richiudere con l'altra frittella e spolverare a piacere con zucchero a velo!
  • Vi consiglio di riempirle proprio prima di servirle in tavola o la ricotta "ammorbidirà" la frittella...!

53 commenti:

  1. Anch' io dovrei avere questi stampi chissà dove... spero di trovarli per fare una piacevolissima sorpresa a mio marito e non solo ! Baci e ringrazia sempre la tua nonnina!

    RispondiElimina
  2. io avevo comprato quell'attrezzo li ma non l'avevo ancora utilizzato..bella ricetta!!

    RispondiElimina
  3. ciao, grazie per la visita!
    complimenti per il blog, ti seguo volentieri anche io!
    i dolcetti per me sono una novita, non li conoscevo... ma sembrano ottimi ^__^

    RispondiElimina
  4. non li conoscevo,ma come tutti i dolci con la ricotta,possono essere solo buonissime!!per quanto riguarda le città non ci avevo mai pensato...ma io me le immagino tutte di giorno,sarà normale?

    RispondiElimina
  5. Io li ho da una vita ma non li ho mai utilizzati, eppure mi ricordano tanto la mia infanzia...........

    RispondiElimina
  6. Grazie! Ma davvero Grazie perchè adesso ho capito a cosa servono quegli stampi lì che vedo spesso! Ok, mi vergogno un po' perchè non sapevo questa cosa ma il fatto che non sono mai stata a Pantelleria aggiungo purtroppo) mi giustifica? :P Un abbraccio e buona domenica :)

    Ah, mi spiace ma io le città le immagino sempre di giorno, però questa cosa che alcune le immagini sotto il sole e altre la notte è simpatica :D

    RispondiElimina
  7. Che belli! Questi non li avevo mai visti (e Pantelleria nemmeno...)

    Interessante questo tuo immaginare tutte le altre città di notte, a me non capita.
    Però, se può farti star meglio ci sono città che ho sempre visto al buio e quando ci sono tornata di giorno è stato come vedere una città totalmente diversa :-D

    RispondiElimina
  8. Eccomi... gli stampi sono riuscita ad averli ma non li ho ancora mai fatti!!
    Ora seguirò la tua ricetta :):)
    Grazie per il pensiero, Erica, e un saluto affettuoso a tua nonna.

    RispondiElimina
  9. ma dai mi hai fatto ricordare che ho gli stampi e che è da una vita che non faccio questi dolcetti,vi assicuro che sono di una bontà unica

    RispondiElimina
  10. Eccomiiiii! Ho fatto proprio bene a ricambiare la visita...ho quasi le lacrime per la gioia! Cercavo la ricetta di queste frittelle da tempo ma non sapevo neppure come si chiamavano. La mia mamma ce le faceva sempre quando eravamo piccoli, poi non le ha più fatte e abbiamo pure perso la ricetta...ora sicuramente me li farò rifare!
    Bravissima nonna!

    A presto.

    RispondiElimina
  11. Bellissimo mai visto , deve essere una favola!!
    Bravissima un bacione Anna

    RispondiElimina
  12. Ma dai, anch'io ho quegli stampini da qualche parte ed è una vita che non li uso! Non sapevo che queste frittelline facessero parte della tradizione di Pantelleria, e le ho sempre mangiate solo spolverate di zucchero a velo. Ora dovrò sperimentarle col ripieno che mi sembra proprio invitante! :-)

    RispondiElimina
  13. Ciao Erica, i miei hanno passato una bellissima vacanza molti anni fa a Pantelleria e io mi dico sempre che dovrei andare a vedere quella bell'isolina: chissà...
    Intanto la tua ricetta fa solo venir voglia di partire e andare a mangiarsi 'ste meraviglie in loco.
    Grazie e complimenti.
    Baci

    RispondiElimina
  14. Mamma mia quanto sono belli questi dolci e che forma spettacolare!!
    Posso dire che sono un pò...invidiosetta per questi stampi?
    E dire che di scarabattole ne ho in casa ma questi li vorrei a tutti i costi!
    Un bacione

    RispondiElimina
  15. Oh mio dio, che bontà queste frittelle! non conoscevo i baci di pantelleria ma li trovo strepitosiiiii!!!!

    RispondiElimina
  16. non conoscevo questi baci, devono essere proprio deliziosi!!!
    A me capita di immaginarmi le città solo di giorno!! baciotti

    RispondiElimina
  17. Non conoscevo questi baci...e adesso la domanda è: Devo andare a Pantelleria per assaggiarli o passo da casa tua?????????

    RispondiElimina
  18. ma tu guarda, questi stampi la mia mamma li fha sempre posseduti, ma le frittelle non è mai riuscita a farcele, sicuramente era un problema di ricetta, ma ora l'ho scoperta...grazie, dovrò farmeli dare ^___^
    ciao loredana

    RispondiElimina
  19. Ciao non li conoscevo, ma devono essere buonissimi!!!
    Baci, baci

    RispondiElimina
  20. Erica non conoscevo affatto i baci di pantelleria, sono bellissimi oltre che buonissimi, un abbraccio e buonanotte

    RispondiElimina
  21. Non li avevo mai sentiti, sembrano golosissimi !!!

    RispondiElimina
  22. Complimenti, sono bellissimi e deliziosi, davvero brava, un bacio.

    RispondiElimina
  23. Un motivo in più per andare a Pantelleria...non conoscevamo questi baci, ma ti assicuriamo che hanno fatto breccia anche in noi, sembrano squisiti!
    Le città di giorno e di notte....ci hai fatto sorridere, a dire il vero personalmente non ho mai associato le città vicine al giorno e quelle lontane alla notte, mi limito ad immaginarle, poi a volte sono in versione notturna, altre volte diurna, ma è troppo simpatico questo tuo pensiero!
    Bacioni da Sabrina&Luca

    RispondiElimina
  24. Che ricetta favolosa...!!!
    Mia mamma aveva questi stampini, non so dove sono finiti. Però noi in Brianza facevamo solo la pastella fritta. Ottima idea pantesca di riempire di ricotta, ecc.
    Grazie anche alla tua nonna.

    RispondiElimina
  25. pantelleria è una delle mete che vorrei visitare!!! devono essere buonissimi... grazie per avermeli fatti conoscere.

    RispondiElimina
  26. bellissimi e buonissimi!
    grazie per avermi fatto conoscere il tuo blog!

    RispondiElimina
  27. Questo attrezzo è meraviglioso, bellisimo, lo troverò, magari su internet????

    RispondiElimina
  28. Tanti anni fa, quando ero piccina picciò, mia mamma fece queste frittelle, ricordo benissimo che erano deliziose, poi, non so perchè, non le ha più fatte! Che peccato!!! chissà se riuscirò mai a trovare gli stampini, così me le faccio da sola!
    Grazie Erica per avermi ricordato queste frittelle.

    RispondiElimina
  29. Ciao cara!! davvero meravigliosi! Spero di trovare questi stampi!! Bravissima ! Un bacione.

    RispondiElimina
  30. Nooooooooo ecco come si usavano quegli stampi.
    Pensa che li avevo e li ho dati via non sapendo come utilizzarli...'azzarola!!!

    RispondiElimina
  31. ma sono bellissimi! purtroppo non ho mai avuto il piacere di assaggiarli! complimenti!

    RispondiElimina
  32. Non conoscevo questi baci, ma mi procurerò gli stampi e li farò al più presto! Brava come sempre!
    Un abbraccio!

    RispondiElimina
  33. Non li avevo mai visti! e ora sono curiosa!

    RispondiElimina
  34. bhe, la cosa delle città immaginate solo di notte, non l'ho mai sentita da nessuno in effetti....
    belli i baci panteschi, io li avevo visti nel blog di Benedetta che ha i genitori che si sono trasferiti lì, mentre lei è rimasta a Bologna
    p.s.
    evviva, il quorum c'è!! ^___^

    RispondiElimina
  35. Non li conoscevo affatto, chissa' come devono esser buoni con quel ripieno!
    n.b. l'unica citta' che immagino di notte io e' Venezia, forse perche' mi sono innamorata della sua versione notturna e sognata, con i suoi vicoli e calle deserti e silenziosi. Ma mi succede solo con lei... dunque si', forse sei un po' strana :)))

    RispondiElimina
  36. Che bella ricettina,che blog bello e pieno di bonta!Grazie d avermi trovata!Ti seguiro anch'io!Un abbraccio forte da Grecia,cara Erica:)

    RispondiElimina
  37. Sono bellissimi! E poi mettono allegria e voglia di mangiarne... un vassoio pieno ^_^

    Se riesci a trovare una storia sulle origini di questo dolce tipico pantesco, mi piacerebbe li presentassi al mio contest!!

    p.s. io immagino Palermo di giorno, Roma la notte e Napoli al tramonto... ah sì, Venezia ai primi chiarori dell'alba, per cui... ^_*

    RispondiElimina
  38. Ehm........ ma se venissi a papparmeli direttamente a casa tua??
    Mamma mia cosa devono essere questi baci!!!!!!!!!!!!

    RispondiElimina
  39. Sarà la parola "Pantelleria" ad evocare in me qualcosa di magico, quasi moresco, ma questi "baci" sono di una bellezza imbarazzante...

    RispondiElimina
  40. Oh mamma oh mammma oh mamma ....... ma che buoniiiiiiiiiiiiiii !!!!
    Prendo ricetta in prestito , grazie !!! :)))
    Abbraccio , Simona

    RispondiElimina
  41. ...svengo! ho bisogno dei sali per rinvenire ma anche un 'bacio' andrà bene :)
    *
    cla

    RispondiElimina
  42. ahahah questa non la sapevo: no, in effetti non faccio questa tua stessa associazione. ma a volte quando cammino faccio attenzione a non pestare il bordo delle mattonelle. solo a volte eh. basta per farsi rinchiudere? che dici? :D queste frittelle sono molto interessanti, e non le conoscevo... ma ho letto ora sul tuo profilo che studi a perugia! ma scrivimi così una volta ci prendiamo un caffè (e un pasticcino)! dai dai dai! :-)

    RispondiElimina
  43. Nooooooo ma cosa è questa meraviglia che non ho mai ne visto ne assaggiato in vita mia?!???

    RispondiElimina
  44. Accidentaccio non riesco a staccare gli occhi da queste frittelle! CIAO SILVIA

    RispondiElimina
  45. La forma è spettacolare, il sapore non sarà sicuramente da meno... Viva queste deliziose frittelle!

    RispondiElimina
  46. Veramente no! Però io le immagino solo e sempre di giorno... dici che è strano? Le frittelline non le conosco ma devono essere di un buono! Un abbraccio

    RispondiElimina
  47. non amo molto i dolci fritti ma i tuoi sono così belli e simpatici di forma che è impossibile resistere. Di dolci fritti ce ne sono un'infinità: i tuoi ad esempio non li conoscevo, quindi ti ringrazio e mi segno la ricetta!

    RispondiElimina
  48. Ciao :)
    Io invece penso alle città tutte di giorno in piena luce.
    Questi dolci non li conoscevo e mi ispirano molto.
    Complimenti per il blog è molto bello e curato.

    RispondiElimina
  49. dove posso comprare questo stampo vengono spediti per posta me lo potete dire grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. salve! io l'ho trovato ad una fiera... ma si trovano anche on line e vengono anche spediti!

      Elimina
  50. grazie posso sapere dove si possono trovare online?

    RispondiElimina
  51. per esempio queste: http://www.peronisnc.it/articolo.asp?ia=162 può chiamare il negozio e mettersi d'accordo con loor per una spedizione anche se non vendono on line! ^_^

    RispondiElimina
  52. grazie di cuoreeeeeeeeeeeeeeee

    RispondiElimina