29 marzo 2013

Le cannateggie di Pasqua - Ricetta tradizionale Pantesca

Ripubblico oggi questa ricetta, dopo averla pubblicata l'anno passato con foto aggiustate perchè amo questa ricetta con tutto il cuore, l'unica ricetta che per significa Pasqua.
Quando si avvicina una festa si avverte nell’aria, si va a fare la spesa, ci si organizza per un super pranzo insieme a parenti, la famiglia ha qualche giorno libero dal lavoro e si ritrova tutta insieme a casa, quella stessa casa che solo due giorni prima era vuota e silenziosa fino alle sei di pomeriggio.


Poi nel caso di Pasqua, si inziano a sentire temperature migliori, il sole si risveglia, la primavera ci regala prati ed alberi fioriti, le giornate son più lunghe e la vita si risveglia un pò dal solito tam tam invernale.
Era proprio tanto che aspettavo questo giorno! Oggi finalmente ho fatto le cannateggie con la nonna, queste uova che io chiamo per abitudine “uova di Pasqua” :)
 

Lo sò che se dico “uova di Pasqua” vi immaginate quelle di cioccolato! ma come chiamarle altrimenti?
Questa ricetta è molto vecchia e sempre tradizionale siciliana essendo della nonna, mi piace cucinare con lei, ogni volta mi racconta cose nuove che riguardano il piatto in questione… oggi mi ha raccontato che le ragazze di una volta li preparavano per regalarli alle loro madrine, mi diceva che un volta, tanti anni fa le uova venivano colorate semplicemente facendo scolorire dei pezzi di carta nell’acqua.

Queste uova per tradizione vengono mangiate per colazione, le uova sempre per tradizione son benedette, e vengon decorate con fiorellini di pasta
Non ho potuto resistere dal fargli le foto da crudi… eran così belli! sotto ve ne metto anche una dopo la cottura ma prima vi dico come abbiamo fatto io e la nonna :)


Possono essere utilizzate  anche come antipasto, o come segnaposto (se al momento della preparazione scrivete le inziali o il nome nella pasta) o anche come un bellissimo centrotavola da mangiare… ma io preferisco sempre la versione tradizionale: per colazione :D

Ingredienti per 10 uova
10 uova sode benedette(va bene anche se non sono benedette)
600 gr di farina di tipo 00
150 gr di strutto
1\2 latte e 1\2 acqua q.b.
Per realizzarli vi occorre la nonna papera, un rotellina (la stessa che si utilizza per tagliare i ravioli) ed un ditale per cucire

Procedimento:
  • Impastate la farina con lo strutto ed i liquidi fino ad ottenere un panetto bello sodo.
  • Ponete la pasta a riposare coperta con un panno per circa 3 o 4 ore
  • Quando la pasta sarà riposata tirate le sfoglie utilizzando la nonna papera: per la base vi serviranno sfoglie alte, per le strisce che tengono le uova strisce medie, per i fiorellini occorrono sfoglie molto fine
  • Il procedimento è molto semplice: tagliate la sfoglia più spessa per fare la base dandogli la forma che preferite: noi abbiamo fatto dei cestini, dei cuori e dei fiori, ma fate attenzione perchè dovrà essere abbastanza grande da potervi permettere di mettere l’uovo sopra.
  • Dopo che avete tiranto le sfoglie medie tagliatele a striscioline larghe circa 1 cm e iniziate a farmare l’uovo passandolo sopra prima da un lato e fermando la strisciolina alla base, poi facendo lo stesso anche nell’altro lato fino a formare una croce sopra l’uovo.
  • Con un’ altra strisciolina circondate la base dell’uovo in modo da fermarlo.
  • Per le decorazioni come ho detto prima dovete utilizzare la sfoglia più fina… qui ho utilizzato il metodo che mi ha insegnato la nonna:
  • Prendete un ditale per cucire lavatelo bene e fate dei cerchietti nella sfoglia: questi saranno i petali dei vostri fiori, vi basterà unirli e modellare il fiore come più vi piace
  • Decorate le uova come più vi piace e infornate 180°C fino a doratura del biscotto

Note personali:
-Noterete che dopo la cottura sulle uova appariranno dei pallini neri, non vi preoccupate è normalissimo, solo che.. non sò spiegarvi il perchè perdonatemi :)
- Di solito si mangia tutto: prima la pasta poi l’uovo benedetto, per noi è usanza bruciare il guscio dell’uovo dopo che lo abbiamo mangiato, anche questa è  una tradizione ;)


Ti potrebbe interessare anche:

8 Commenti

  1. Ciao mia cara Erica, questa versione non la conoscevo e... e... ^___^ sono una vera meraviglia con quel fiorellino sull'uovo. La prossima volta proverò la variazione artistica sul tema dei miei pupi con l'uovo.
    Un bacio,

    RispondiElimina
  2. brava amica mia...crei sempre cose originali <3 buona pasqua a te <3

    RispondiElimina
  3. Hai fatto bene a ripubblicarla ... me la sarei persa altrimenti!!!
    Carissimi Auguri sinceri <3

    RispondiElimina
  4. Grazie per averla ripubblicata, mi era sfuggita! Che bello conoscere le vecchie tradizioni, queste uova sono veramente belle! Buona Pasquaaaa!!!!

    RispondiElimina
  5. che belle che sono....sempre lieta di imparare le tradizioni di altri posti!

    RispondiElimina
  6. ciao ti scopro solo ora!fantastiche:)

    RispondiElimina

Lettori fissi

Google+ Followers

Instagram