28 agosto 2010

Pesci Sciutti

Ovvero una vecchia ricetta pantesca che ormai son in pochi quelli che continuano a mettere in pratica... vuoi perchè ormai esiste il congeltaore per conservare i pesci e vuoi perchè di questi pesci non se ne pescano più tanti come una volta visto che hanno un mercato ristretto... i pesci sciutti (pesci asciutti) sono però una vera e propria prelibatezza.
Mia zia mi ha raccontato che erano il miglior pranzo dei pescatori ma anche di chi andava a lavorare nelle terre e non tornava a casa.


E' un peccato perdere queste ricette così già da molto mi son messa al lavoro e ho raccolto un bel pò di ricette pantesche di una volta.
Attendendo la nonna che rientra domani e mi dà le altre ricette che ho già fotografato vi metto questa, ringraziando anche se sò che molto probabilmente non lo leggerà mai (anche perchè non sa leggere) mia Zia Vincenza.
Ed ecco la ricetta:


Innanzi tutto si fanno con le Minnole e con pochissime altre varietà di pesce.
Devo avvertirvi che comunque è molto difficile reperire questo tipo di pesce se non si abita in prossimità del mare.
Le minnole ottime per questa preparazione dovranno avere le uova, ciò si nota da un rigonfiamento nel ventre.
  • A questo punto se avete comprato delle belle minnole grandi dovete pulirle dall'intestino facendo un taglietto sotto le branchie vicino alla testa e tirandolo via, non aprendo tutto il pesce!
  • Se le vostre minnole non sono molto grandi potrete lascialre intere senza togliere nulla, sarà facile pulirle prima dell'utilizzo.
  • A questo punto dovete mettere le minnole sottosale (mi raccomando non togliete le squame!) per 1 kg di pesci freschi serviranno circa 400 gr di sale.
  • Adesso dovete sistemarle come se fossero acciughe sottosale, cioè in modo che siano incastrate il più possibile tra di loro in modo da evitare spazi vuoti, quindi prima procedete a salarle per bene poi a formare dei strati di pesci e del sale rimasto.
 .
  • le prime 12 ore dovrete aspettare che prendano il sale, quindi copritele con un tappo e mettete sopra il tappo un peso di circa 5 kg.
  • trascorse le prime 12 ore per le prossime 12 cioè fino alle 24 ore dovrete aumentare la carica cioè il peso del doppio cioè dovrete mettere un peso di circa 10 15 kg.
  • n.b. il peso da mettere sopra varia a seconda della quantità di pesce, se ne fate più di 1 kg aumentate il peso ;) ).
  • Trascorse 48 ore dovrete lavarle per bene ed aiutandovi con un grande ago e dello spago infilate la testa all'altezza degli occhi in modo da poter appendere i pesci come vedete nella prima foto.
  • A questo punto metteteli ad asciugare, sia chiaro non dovranno stare al sole, ma in un posto all'ombra e caldo, a PAntelleria ci abbiamo impiegato circa 1 settimana ma comunque vi basterà toccarli ogni tanto per sentire quando saranno asciutti.
E' importante anche coprirli con una retina che li lasci asciugare ma che impedisca alle mosche ed altri insetti di avvicinarsi :D

Si conservano sia in frigo che fuori anche per 1 anno ;) pulirli una volta che li vorrete mangiare è semplicissimo, la pelle con le squame (che non si staccheranno non vi preoccupate non sporcherete nulla) verrà via tutta insieme :)

Ottimi per inaporire insalate di pomodori, con le uova si può condire un buon piatto di sapaghetti ed ogni altra cosa che vi viene in mente, credetemi: ne vale la pena :D

Ti potrebbe interessare anche:

2 Commenti

  1. che belli!Un vero spettacolo!!!e devono anche essere squisiti!

    RispondiElimina
  2. Ciao...complimenti per il tuo blog... baci Chià

    RispondiElimina

Lettori fissi

Google+ Followers

Instagram