18 settembre 2015

Lampredotto in brodo con salsina verde - specialità di Firenze

Non potevo non parlarvi della specialità di strada di Firenze, altrimenti che toscana sarei?
Il panino con il lampredotto è una specialità che appartiene alla tradizione toscana.
Come per tutte le tradizioni non c'è una ricetta ben precisa,  la ricetta di famiglia preparata da sempre è quella perfetta.
Tuttavia, quella che si avvicina di più alla tradizione è la ricetta dei lampredottari, i venditori di strada, i quali usano bollire il lampredotto con gli "odori" (Sedano, carota, prezzemolo, cipolla ed opzionale pomodoro) per ore, ore, ore.


Alla richiesta di un panino titano fuori un bel pezzo di lampredotto fumante dal brodo, lo tagliuzzano al coltello e lo mettono dentro un panino (solitamente simile ad una rosetta, ma  bello morbido) precedentemente diviso a metà ed inzuppato nel liquido di cottura.
E' proprio il liquido di cottura la parte succulenta di questo piatto perchè darà sapore al pane, per questo una volta pronto il panino si consiglia di non conservarlo per evitare che si ammorbidisca troppo.



Va da sè che ognuno custodisce gelosamente quell'ingrediente che rende il suo lampredotto più buono di quello degli altri.
A parte mangiato dentro un panino, lo si usa mangiare al piatto condito con abbondante salsina verde, proprio come ho fatto io: una squisitezza.


Il lampredotto è una delle parti dell'intestino, potreste procurarvene un po' semplicemente chiedendolo al vostro macellaio di fiducia.


Ingredienti per 4 persone
500 gr di lampredotto
1 bella cipolla
2 carote
1 mazzetto di  prezzemolo - tradizionalmente erano i gambi
2 costole di sedano
1 San Marzano  - opzionale
Per la salsa:
2 acciughe sottosale
1 mazzetto di prezzemolo
1\2 spicchio di aglio privato dell'anima
Preparare il lampredotto non è difficile: 
  • La tradizione fiorentina prevede che si bolla in acqua con gambi di prezzemolo, carote, sedano e cipolla, se si vuole anche un san marzano.
  • Mettete tutti gli ingredienti in una pentola con abbondante acqua fredda e portate a bollore. Il Lampredotto dovrà bollire nel suo sughetto fino a cottura.
  • Ricordatevi che la cottura dovrà essere fatta sempre senza sale: infatti il sale dovrà essere aggiunto nel panino o nel piatto.
  • I tempi? va fatto sobbollire coperto a fuoco dolce per almeno 4 ore, pensate che i paninari arrivano anche alle 8 ore di cottura! 
  • Per preparare la salsa verde: basterà tritare in un mixer del prezzemolo con aglio, olio e acciughe sottosale.
Note personali:
- Se non gradite l'aglio nella salsa potete ometterlo, noi amiamo aggiungere anche i capperi.

Ti potrebbe interessare anche:

7 Commenti

  1. mio marito farebbe follie per questo piatto!

    RispondiElimina
  2. lo adoro, ho trovato un ristorante che lo fa qui a Trieste e ogni volta è una festa !

    RispondiElimina
  3. Ho provato questo piatto a Firenze alcuni anni da ed era buonissimo, grazie per la ricetta. Un saluto, Daniela.

    RispondiElimina
  4. l'ho mangiato soltanto 1 volta credo e non mi dispiace affatto!! Un abbraccio SILVIA

    RispondiElimina
  5. Da ragazza mangiavo la trippa, credo di aver mangiato anche il lampredotto e mi piaceva moltissimo. Col panino e quella salsina deliziosa, però non l'ho mai gustato, che dire? un altro buon motivo per venire in Toscana, lo sai che l'adoro! Un bacio

    RispondiElimina
  6. Non sono una grande amante della trippa, ma di quella salsina verde sì. :)

    RispondiElimina
  7. questa è un piatto che piace tantissimo a mio marito, ti ringrazio per la ricetta.

    RispondiElimina

Lettori fissi

Google+ Followers

Instagram