23 gennaio 2011

Pollo al Sale

"Erica! non se ne può più, quando pulisci non si ritrova mai niente!!!"
Ok.
Ammetto di aver un modo mio di pulire, finchè si tratta della mia casa tutto ok, ma quando aiuto la mamma le cose si complicano.
I miei non sanno neppure cos'è un arredamento essenziale, i miei raccolgono cose.
Si. Raccolgono cose da ogni parte.
Ogni cosa in casa dei miei è "un ricordo" quindi non si butta mai via niente.
Vado in quel paesino tanto caruccio? Ovvio che riporto un ricordino!
Vado al ristorante cinese? Ovvio che raccolgo i punti così poi avrò un bel tris di spade che non saprò, ovviamente, dove mettere.
Vogliamo parlare di cresime, battesimi, comunini e matrimoni e di tutte le bomboniere accumulate in 25 anni di matrimonio?
E ancora peggio, vogliamo parlare di tutti i ricordini portati da vari viaggi all'estero?
Meglio di no credetemi.
Ma il peggio deve ancora venire, è si, non ci crederete ma il peggio deve ancora venire sul serio.
Mia madre, lei, la donna di casa è una patita di decoupage e perline.
Lascio un minuto per la comprensione.
....
Giusto la mobilia si è salvata dalle sue grinfie decoupatrici...
Ok, però fin qui tutto bene, una casa dev'essere piena di ricordi, solo che la casa dei miei è piena nel vero senso della parola eheh!
Il problema non sussiste però finchè non arrivo io.
La sottoscritta ha un'ottica essenziale.
Poche cose, belle e soprattutto ordinate.
Mica dico che devono buttare dei ricordi... dico solo... di nasconderli, ecco!
Così il compromesso è stato raggiunto con la donna di casa che ha accettato di mettere dentro una scatola di cartone un pò di cose, per poi "quando ha voglia" rimetterle in circolazione facendo cambio con altre cose, così (testuali parole) "sarà ancora più bello quando le rivedo dopo tanto".
Ok.
Ce l'ho fatta, una transazione tra madre e figlia, evvai.
(Adesso avrò meno cose da nascondere di nascosto! e qui lo dico e qui lo nego eh!) 


Ovviamente stavo scherzando, non nasconderei mai dei ricordi ai miei genitori, ma quella della scatola è una storia vera :)
Casa dei miei genitori è l'unica casa dove io mi senta a casa, persino quando viene il mio fidanzato e stiamo nel nostro appartamento sotto casa dei miei, penso sempre che casa mia è quella "di sopra", ed i la amo così com'è, perchè rispecchia il babbo e la mamma me e Fabio e tutta la nostra vita.
Sapete che c'è? che se un giorno non basterà più lo spazio per tutti i ricordi che accumulano i miei... allargheremo la casa ^_^ 
E poi... parlo parlo, ma nel mio appartamento ho già iniziato anche io ad accumulare i ricordi adesso che ci penso... mica sarà ereditaria la cosa?!
Questo è il secondo tipico di un nostro pranzo Domenicale: un bel pollo ruspante al sale consumato in mezzo a tanti ricordi perchè si, la Domenica si pranza nel salotto... guardando linea verde per giunta!


Cosa occorre?
Un bel polletto ruspante ma va bene qualsiasi pollo
Sale aromatico: ottenuto frullando con del sale: salvia e rosmarino freschi, pepe nero, 1 foglia di alloro.
sale grosso da cucina q.b. per formare uno strato nella teglia

Procedimento:
  • Foderate la teglia con carta stagnola e aggiungete sale grosso fino a formare uno strato di circa 2 cm.
  • Preparate bene il pollo, condendolo bene con il sale aromatico.
  • Posizionate il pollo sopra il sale ed infornate a 200°C circa per 2 ore.
  • Se il pollo tende a bruciarsi copritelo con della carta stagnola e abbassate un pò la temperatura; ovvio che se il pollo non è ruspante impiegherà molto meno tempo per la cottura.
Il vantaggio di cuocere il pollo al sale stà nel fatto che il pollo perde i grassi che vengono assorbiti dal sale quindi si potrebbe dire che è un tipo di cottura un pò più light... e poi alzi la mano a chi piace la crosticina croccante!! eheh

Ti potrebbe interessare anche:

39 Commenti

  1. Pure io sono per l'arredamento essenziale, ma mia moglie è l'esatto opposto! Eccezionale questo pollo, decisamente da provare! Ciao Gianni

    RispondiElimina
  2. Il pollo al sale è veramente molto buono, e,!
    contrariamente a quello che si pensa non è affatto salato.
    Baci!

    RispondiElimina
  3. Ci hai fatto sorridere, anche casa nostra è piena di ricordi, alcuni dei quali me li porto dietro dalla mia infanzia, tieni conto che io da Rimini mi sono trasferita a Bologna. I miei sono molto più essenziali, io invece più sentimentale, ma ho trovato un compromesso, tante cose sono chiuse dentro scatoloni in cantina, non sopporto il disordine.
    Il pollo al sale non l'abbiamo mai cucinato, abbiamo cucinato così il manzo e il vitello, ma adesso ci hai fatto venire voglia di provare anche col pollo!
    Bacioni e buona settimana
    Sabrina&Luca

    RispondiElimina
  4. Sai che non ho mai mangiato il pollo al sale? Eh già, lo ammetto, questa mi manca...
    Io sono assolutamente per l'essenziale nell'arredamento, non mi piace avere troppe cose in giro.. i ricordi sono un'altra cosa.. ma in casa mi piace l'ordine.. non per niente tutti mi dicono che casa mia è mezza vuota, nonostante la abiti da 2 anni ormai ^_^ ma a me piace così com'è.. poi chissà, nel tempo magari le cose cambieranno..

    RispondiElimina
  5. Il pollo al sale l'ho scoperto da poco, da quando faccio la dieta, perchè non si direbbe ma diventa magrissimo!!!!!!!

    RispondiElimina
  6. amo il pollo, se poi è ruspante, cotto al sale è stupendo, esalta maggiormente il sapore! il tuo raccontino mi ha fatto sorridere.... ma il finale si che mi ha fatto quasi commuovere! il rituale domenicale della sala da pranzo, tutti insieme davanti alla tv... fa tanto famiglia. Io non ci rinuncerei mai... un bacione e apresto ELY

    RispondiElimina
  7. Bella ricetta,da tener presente......

    RispondiElimina
  8. In casa mia io sono per l'essenziale, sarà perchè sono io a riordinare e a fare la polvere?, e mio marito è il raccoglitore. meno male che il solaio è grande... Di solito faccio il pesce al sale, ma in effetti perchè non anche il pollo? Bella idea, te la copio. Un abbraccio.

    RispondiElimina
  9. Finora al sale ho mangiato solo il pesce, che adoro, ora dovrò assolutamente provare il pollo, senz'altro buonissimo! :)

    RispondiElimina
  10. Anche io ho l'anima del robivecchi compro sempre qualcosina da regalate o per me..insomma a casa mia non c'è neanche il posto per la polvere...Ma un posto d'onore ..in tavola è ovvio... questo pollo lo troverebbe di certo!!
    Baci

    RispondiElimina
  11. mamma mia che fame!!
    buono il pollo al sale e che bello il pranzo della domenica.
    un bacio cara

    RispondiElimina
  12. Non è facile muoversi tra i ricordi materiali (definiamoli così), specie se sono tanti per cui mi sa che prima o poi bisognerà davvero ingrandire la casa!
    Bene, il pollo della domenica! Sa di buono e di famiglia!

    RispondiElimina
  13. Io lo faccio davvero spesso questo pollo, la carne si mantiene saporita e non troppo stopposa...buonissimo!!! un abbraccio :)

    RispondiElimina
  14. quel pollo al sale.. mi ha stregato.. deve essere gustosissimo... un bacio

    RispondiElimina
  15. Gustosissimo cucinato così, brava Erika!

    RispondiElimina
  16. Ciao, anche io amo conservare i ricordi e difficilmente mi privi di tutti i ninnoli che raccolgo in giro... nelle giornate della mia vita che voglio conservare tra quelli preziosi. Però anche io alla fine critico un pò casa dei miei perchè è davvero troppo piena: ti comprendo.
    Mi chiedo solo, ma la mia di casa tra 24 anni di matrimonio (avendone appena trascorso uno) come sarà? ^_^

    Ottimo pollo al sale, baci!

    RispondiElimina
  17. Scusa, sono piegata in due. Mia madre accumulava talmente tanta roba che ora io e mia sorella siamo, per cosi' dire, choccate...e amiamo solo arredamente minimalisti ed essenziali, o meglio ancora ampi spazi vuoti :-)

    Il pollo e' bellissimo, lo faccio anche io cosi'!

    RispondiElimina
  18. ahahahahah, mi sa che se verrai a casa mia scapperai a gambe levate ;)
    *
    mi piace la tua famiglia e pure il polletto della domenica *
    cla

    RispondiElimina
  19. Io impazzirei... Sono più una tipa da arredamento essenziale più che da ricordi riportati da qua e là. Però tendo sempre a fare pulizie troppo drastiche pentendomi dopo di aver buttato via quello che mi serviva... Quindi, tendenzialmente direi che fanno bene a tenersi stretto tutto quanto! ;)
    A presto e buon pomeriggio!

    RispondiElimina
  20. Ti confesso che anche faccio sempre una gran fatica a buttare via la roba, finisce che tengo una montagna di roba con l'idea che potrebbe essere utile...finchè non mi rendo conto che sono sommersa dalla roba e li scatta il repulisti assassino ;)

    RispondiElimina
  21. Complimenti per il tuo blog....è veramente bello e ricco!!Brava;-))
    E questo polletto è gustosissimo.....l'avevo provato tanti anni fa e mi è piaciuto molto per la sua croccantezza.

    RispondiElimina
  22. Erica i tuoi commenti mi abbracciano, grazie!
    vado di frettissima ci tenevo a dirti questo, leggero' più tardi meglio di te!

    il pollo al sale é stato uno dei miei primissimi piatti cucinati qui in Francia!

    grazie:)

    RispondiElimina
  23. ottimo il tuo pollo e bello anche il quadretto famigliare ! un bacio

    RispondiElimina
  24. Ciao erica, mi hai fatto morire dal ridere, immagino la tua mamma che appiccica pezzi di carta colorata ovunque in ogni angolo dellla casa :D
    Anch'io sono come te, parto col voler essere essenziale e poi mi faccio prendere la mano da tutto quello che mi piace....e addio al minimalismo :D
    Ma i ricordi sono una ricchezza troppo grande, sono la nostra vita, come si fa a liberarsene?
    Un bacione carissima, e questo pollo al sale dev'essere delizioso anche se così non l'ho proprio mai preparato
    Non è che la tua mamma ci fa il decoupage sopra se non stai attenta? :D
    A presto

    RispondiElimina
  25. Anch'io adoro l'arredamento minimal, e ti capisco, a volte butterei infinite cose ma fortunatamente mi trattengono i miei :D
    Il pollo è davvero invitante, degno di un secondo domenicale. ps: troppo simpatici i tuoi post ^_^

    RispondiElimina
  26. io pure butterei tutto...tranne l'essenziale..
    cioè la montagna di libri e riviste di cucina..
    che affollano lo studio...
    ottimo il pollo al sale...bravissima!!
    bacini
    Enza

    RispondiElimina
  27. mi sembra di vedere casa dei mieie... ma parlo parlo poi casa mia è uguale... non si butta nulla... che bello il pollo al sale non l'ho mai cucinato ma l'apetto è davvero bello e croccante! ciao Ely

    RispondiElimina
  28. sono sicura di aver visto i passerini darsi un bacio, non più tardi di questa mattina...
    sogno o son desta?

    RispondiElimina
  29. Ho riso un sacco leggendo il tuo post..perchè..mia mamma è esattamente come te...io invece sono quella che accantona ogni cosa..non riesco davvero a buttare le cose....^_^
    Poi bellissimo..m immagino la scena della domenica mangiando pollo in salotto...quello lo faccio davvero anche io! :)

    RispondiElimina
  30. a me a me a me piace la crosticina!A me!!! :DDD e questo pollo mi ripropongo di farlo!Giurin giuretta!!!

    Per i tuoi...ahimè non so che dirti...io per evitare di avere tutto in gir butto qualsiasi cosa dentro l'armadio...ma giuro, qualsiasi!!!Ci sono anche terrine in coccio (non si sa mai...) un paio di pacchi di riso e delle tovagliette...le nascondfo dalle grinfie di mamma e quindi giacciono lì, nel dimenticatoio... ;P

    RispondiElimina
  31. hihihihih mi hai fatto sorridere! Sono anch'io molto minimalista ed essenziale. In casa meno fronzoli ci sono meno mi tocca pulire e rimettere in ordine :)! E meno male la mia mamma è un po' come me. Il pollo al sale (strano ma vero perchè parliamo di carne!) ma lo adoro e mi fa venire nostalgia di casa. Me lo prepara sempre mamma quando torno "a bottega" col pollo ruspante che qui mi sogno! bacioni gioia, buona giornata

    RispondiElimina
  32. ahahah... condivido pienamente!Le mamme sono tutte uguali mi sa'! Ottima ricetta. Clementina

    RispondiElimina
  33. pian piano però vedrai che anche casa tua di "sotto" si riempirà di ricordi e anche se amii l'essenziale come me alla fine anche solo magari un tappo, un fiore secco, un biglietto, inizierà a prendere spazio nella tua casa!

    RispondiElimina
  34. Il pollo al sale non l'ho mai fatto, ma mi piace l'idea, dovrebbe essere bello morbido....
    Sulla casa, sono anch'io per l'essenziale, ma mi sa che la gente di una certa generazione, no, visto che anch'io combatto con mia madre ;))

    RispondiElimina
  35. Erica adoro il pollo al sale,in realtà io faccio il galletto,se li trovi già puliti sono davvero gustosi...
    Grazie per i tuoi ricordi,mi fanno sorridere,ormai è da molto tempo che non vivo con mia mamma,mi hai messo di buonumore^-^

    RispondiElimina
  36. Anche a casa dei miei è così, o meglio è solo mio padre che insiste a mettere da parte i ricordi... però a volte lo capisco! Ottima ricetta!!!
    Un abbraccio e buonissima giornata!

    RispondiElimina
  37. Ma sai che ne ho sentito spesso parlare di questo pollo al al sale ma non l'ho mai provato... il prossimo weekend compero un buon polletto e provo la tua ricetta.
    Grazie.
    Orchidea
    www.viaggiesapori.blogspot.com

    RispondiElimina
  38. Oh! mio Dio sono preoccupata. Questa mania dei tuoi genitori non sara' come la varicella: contagiosa?!! pERCHE' ANCHE IO HO L'ABITUDINE DI ACCUMULARE TUTTO. I nastrini delle bomboniere, i souvenir etc, etc. Beh! mi consolo con un bel pezzo di questo squisito pollo al sale.
    Ah!!! dimenticavo PASSA DA ME C'E' UNA SORPRESA
    Bacioni

    RispondiElimina
  39. Grazie a tutte per i vostri cmmenti, è stato molto bello leggerli ^_^
    @sdauramoderna: eheh sisi li hai visti è un progettino al quale stà lavorando il fidanzato ^_^

    RispondiElimina

Lettori fissi

Google+ Followers

Instagram