9 marzo 2011

Coconut delight della Ciliegina & taaaanta sfiga!

Non credo in fantasticherie come il destino e la fortuna, ma nella sfiga si.
Esatto e ne ho le prove scientifiche.
Per esempio parliamo di lei: la femmina innominabile del mio paese, 
infondo ogni paese ha il suo....
ho quasi paura a pensarla ed a scrivene nel blog, quindi per scaramanzia non dirò il nome ma la chiamerò M.
Precisiamo il termine "innominabile" :
[in-no-mi-nà-bi-le] agg. che significa, per me, persona sia di sesso maschile che femminile con grandissime capacità di portare sfiga, jetta,malocchio,  merda o sfortuna che dir si voglia.
Se la vedo da lontano e riconosco l'inconfondibile capigliatura mi giro subito dall'altra parte sfuggendo nella direzione opposta sperando che lei non mi abbia vista! 
E' si, perchè se ti vede sei fottuta: 
in un attimo ti punta con i suoi occhietti malefici, li stringe leggermente ed è li che la sfiga puoi star certo che ti colpirà, se non è ora è dopo.. ma entro un massimo di 24 ore arriva.
Vi dico le prime cose che mi son successe dopo averla vista:
-(La sfortuna più gettonata) mi cade qualcosa di pesantissimo su di un piede,
-Mi son stretta le dita sulla portiera della macchina chiudendola (varie volte)
-Mi hanno tamponata e son andata a sbattere contro un'altra macchina parcheggiando: il tutto nel giro di un ora dopo averla vista (!!!!!!!!!!)
- mutande tutte rosa in lavatrice... poco male se non fossero state di mio zio...
La lista è veramente lunga e per fortuna tendo sempre a dimenticarmi le cose brutte della vita così son sicura che moltissime non me le ricordo.
La sensazione di quando la vedo è indescrivibile: nelle poche volte che i nostri sguardi si son incorciati ho sentito una scossa di terrore arrivarmi anche ai capelli mentre penso "Dio, ti prego, aiutami tu stavolta...perchè l'ho guardata... l'ho fatta veramente grossa, lo sò!" mi immagino già i raggi verdi di sfiga che gli escono dagli occhi e si poggiano sulle mie spalle...
Devo darmi una calmata lo sò!
DEVO!
Il punto è che questa capacità è aimè genetica: la figlia porta sfiga quanto la madre.
E te pareva? se fino ad ora ne dovevo evitare una sola eccotene un'altra....
Generalmente quando vedo la figlia a casa mia arriva sempre la bolletta del telefono... e credetemi per me quello è un giorno triste.... moooolto triste...
Si passa dalle minacce "io ti tolgo il telefono!!!!!", "io ti tolgo anche internet!!!" fino alle suppliche esasperate: "Per favore Eri, dai ascolto al babbo, se devi chiamare ai cellulari telefona con il tuo..."
ATTENZIONE
stavo per pubblicare il post quando son andata in cucina a bere, ho notato il cacao amaro sul tavolo e ho pensato di metterlo apposto.
Indovinate?!
E' caduta la busta proprio mentre la stavo mettendo apposto sul mobile..
e adesso ho un lavandino pieno di cacao.
Lo sapevo che non dovevo neppure parlarne! LO SAPEVO!!!!!



E adesso che ci faccio con quel latte e burro di cocco?
ed ecco l'ispirazione! mi vien in mente Lei con questa bellissima ricetta.
Adoro il suo blog.. sarà per le bellissime foto, sarà per la precisione con cui è spiegata ogni ricetta, sarà la fiducia che ho in lei come grande cuoca che proprio non ho saputo resistere dal provare.
Che ve lo dico a fare che il risultato è stato degno di lode? 
Roba da leccarsi il cucchino tre volte di fila non sò se mi spiego ^_^


Riporto la ricetta della ciliegina con le mie modifiche:

Ingredienti:
400 ml di latte di cocco   40 gr di burro di cocco home made (in alternativa latte di cocco acquistato!)
250 ml di panna fresca 500 ml
100 g di zucchero di canna
4 fogli di colla di pesce 2 gr di agar agar* ovvero 1 cucchino da caffè
1 pizzico di sale
cacao amaro e cocco fresco per decorare (non l'ho trovato, sigh!)

Procedimento:
Prendete il burro di cocco e lavoratelo bene con un pò di panna in modo tale da ottenere una crema liscia
Mettere tutti gli ingredienti in una pentola mescolando bene con una frusta e portare ad ebollizione.
Spengere, versare nei stampini monoporsione o in uno stampo unico e mettere in frigo a freddare per circa 3 ore.
Decorare a piacere e servire ^_^
Semplice no?

Questa è la ricetta che ha reso felice il mio amore bello eheh ^_^
* per quanto riguarda l'agar agar è la prima volta che lo utilizzo ed il risultat è molto migliore della colla di pesce, l'ho acquistato a naturasì a Perugia e credo proprio che non tornerò mai al vecchio metodo...

Ti potrebbe interessare anche:

34 Commenti

  1. Daiiii anche io avevo adocchiato questa ricetta, l'abbiamo rifatta anche noi in un budinone!! (http://whitedarkmilkchocolate.blogspot.com/2011/01/voglia-di-estate-budino-al-cocco.html) Però purtroppo la panna e il latte di cocco si sono separati..non so perchè! Con il burro di cocco ti è venuto benissimo invece!! L'agar agar io non riesco a trovarlo :(

    Attenta alla sfiga che secondo me ti prende anche a norminarlo!!

    RispondiElimina
  2. Semplice semplice e buono buono ^_^ consiglio della nonna per incontri accidentali con un componente della famiglia "innominabile", una canottierina indossata al contrario (non ci credo ma perché non provare, me lo disse anni fa' la mia nonna ;))
    Bacioni
    Sonia

    RispondiElimina
  3. Bellissimo post Erica, e splendido questo budinone , golosissimo!!!!

    RispondiElimina
  4. ahahaha Poveretta per la sfiga! Cmq tranquilla perchè la sorella di paperino è qui con te e ti tiene compagnia con la sfiga (solo che la mi aviene da sola e non la manda nessuno. Avrai avuto sfortuna ma sei riuscita a fare un dolce buonissimo!

    RispondiElimina
  5. ahahahahahhahaahah... scusaaa ehhh.. ma poco tempo fa ho magistralmente coperto il lavandino e il piano cottura di cacao.. un pastoneeee che non ti dico!!! ^_^ dai consolati con questa delizia! baciii

    RispondiElimina
  6. Mi hai fatto morire dalle risate da come l'hai raccontata, almeno il dolce ti è venuto buonissimo!
    Un bacione tesoro
    Anna

    RispondiElimina
  7. Sei veramente simpaticissima e la ricetta e' uno schianto
    Baci

    RispondiElimina
  8. Giornata nera ovunque!!!
    Mi consolo con la vista del tuo dolcetto...
    Chissà come è buono?
    Un bacione

    RispondiElimina
  9. da uno sbaglio è nata una ricetta incredibile!
    complimenti !

    RispondiElimina
  10. che bontà!! ...Come si dice, la fortuna è cieca ma la sfiga ci vede benissimo ... ;).
    Ciao. Annalisa

    RispondiElimina
  11. Spesso è così: da una catastrofe viene fuori un capolavore... il tuo è golosissimo!!
    Franci

    RispondiElimina
  12. ahaha oddio erika mi ti immagino..sei troppo divertente!! :)) e che prelibatezze :)) smack fortissimo!!

    RispondiElimina
  13. mmmm....che golosità! bravissima ottimo utilizzo del tuo prodotto.
    ehi! non ti fare condizionare da queste superstizionie soprattutto attenzione a non emarginare una persona con queste etichette ,ricordo il caso di Mia Martini, o Masini. Quando incontri questa signora sorridi e pensa positivo vedrari che tutto andrà bene, ti abbraccio
    ciao Reby

    RispondiElimina
  14. che bello il tuo blog...mi piace tantissimo il tuo modo di narrare :-) io,ahimè, non ho questo dono
    BRAVISSIMA

    RispondiElimina
  15. Una vera golosità........lo vogliamoooooo
    Un abbraccio!

    RispondiElimina
  16. ..alla fine è uscito un gustosissimo dessert!brava Erika!a presto.

    RispondiElimina
  17. ma dai che la sfiga non esiste!! però... tutto quel cioccolato nel lavandino.. che peccato...
    il tuo budinino è bellissimo e finalmente hai fatto felice il tuo amore! bravissima!

    RispondiElimina
  18. Mi fai morire cara...ma ti dò ragione al cento per cento, credo che la negatività esista eccome.
    Io conosco una persona talmente cattiva ed invidiosa che secondo me manda chili di jella...vade retrooooooo!!
    hai fatto bene a fare quel dolce strepitoso...antisfiga lo chiamerei!
    Buonissima serata

    RispondiElimina
  19. Ma tu immagina se la signora M. leggesse il tuo blog a tua insaputa!!!! hihhihihi...scherzo!!!! Comunque è vero che la fortuna è cieca ma la sfiga ci vede benissimo! Ottimo il tuo budino e questo agar agar è veramente da provare! Bravissima, baci

    RispondiElimina
  20. Ma un pò di cacao è finito anche sul dolcetto però! dai, allora non è andata proprio male del tutto :D
    Mi piace molto questo budino ( non so se è un budino per la verità) comuqnue mi piace. Anch'io uso l'agar agar. Mi trovo bene. Questo dessert è da provare...Un bacione

    RispondiElimina
  21. Molto buono questo budino...sicuramente ti avrà fatto dimenticare le sventure!!! Un bacio

    RispondiElimina
  22. Fiigurati quel poveretto che se l'è pure sposata...
    P.s. anche io vorrei provare l'agar agar... ma bisogna quindi dimezzare le dosi?

    RispondiElimina
  23. Dimentica le sfighe e pensa a mangiarti quel dolce strepitoso!

    RispondiElimina
  24. Complimenti per questo dolce hai fatto un uso fantastico del burro di cocco.
    Per quanto riguarda la sfiga, non credo che si possa chiamare così se le cose che ti capitano mi sembrano piuttosto tue distrazioni,la sfiga è ben altro e non è una, seppur cattiva, persona a portarla ma il credere nelle negatività, pensa positivo!!!!
    Baci

    RispondiElimina
  25. Tanta sfiga ricompensata da queste delizie che prepari,bellissima foto, ciao..

    RispondiElimina
  26. Delizioso!!!! Mi hai fatto venire una voglia di cocco!! Che dici evito Cortona o mi dici chi devo evitare??? Vieni al Taste a Firenze sabato? Baci

    RispondiElimina
  27. il dolcetto è proprio delizioso, mi complimento con te per l'ottima riuscita. Per la sfiga ti consiglio un bel corno rosso nella borsa

    RispondiElimina
  28. l'ho fatta anche io questa ricetta è davvero super, a te è venuta benissimo!mi piacciono le variazioni! per la sfiga nn saprei cosa suggerirti, penso anche io che esistano persone circondate dalla negatività, ma se ci credi fai peggio, quindi prova a buttarla sul ridere e quando le incontri madre o figlia pensa positivo, tanto le mani nella portiera te le sei già schiacciate più volte e ormai sono a prova di portiera!

    RispondiElimina
  29. p.s.: per la bolleta del telefono prova a spiegare ai tuoi che è passato E.T. e voleva telefonare a casa sua... è una chiamata interuniversale!

    RispondiElimina
  30. Fantastica... la ricetta e fantastica tu! (ancora sto "ridendo", ma condivido il tuo sfiga-pensiero!) :)))

    RispondiElimina
  31. Uso anch'io l'agar agar e i vantaggi sono davvero tanti, primo tra questi il suo essere un addensante naturale ....

    Un dessert perfetto :D

    RispondiElimina
  32. Deve essere di una delicatezza irresistibile!!!
    GNAM!!!!
    Comunque hai provato a regalare all'innominabile gli occhiali che usa uno degli X-men, Ciclope?
    Magari funzionano :)

    RispondiElimina
  33. penso a quella poveretta che, magari, ignora di suscitare in te una simile reazione!
    Davvero credi ad un suo "presunto" potere di influire sullo stato dei fatti? Non ci posso credere.
    Mi consola questo tuo ottimo budino al cocco!

    RispondiElimina

Lettori fissi

Google+ Followers

Instagram