20 settembre 2012

Cubetti di basilico: l'estate d'inverno

Quando ero piccola a scuola la maestra ci fece leggere la storia della cicala e della formica, la conoscete?

In una calda estate, un’allegra cicala cantava sul ramo di un albero, mentre sotto di lei una lunga fila di formiche faticava per trasportare chicchi di grano.
Fra una pausa e l’altra del canto, la cicala si rivolge alle formiche: “Ma perché lavorate tanto, venite qui all’ombra a ripararvi dal sole, potremo cantare insieme!”
Ma le formiche, instancabili, senza fermarsi continuavano il loro lavoro..
“Non possiamo! Dobbiamo preparare le provviste per l’inverno! Quando verrà il freddo e la neve coprirà la terra, non troveremo più niente da mangiare e solo se avremo le dispense piene potremo sopravvivere!”
“L’estate è ancora lunga e c’è tempo per fare provviste prima che arrivi l’inverno!
Io preferisco cantare! Con questo sole e questo caldo è impossibile lavorare!”
Per tutta l’estate la cicala continuò a cantare e le formiche a lavorare.
Ma i giorni passavano veloci, poi le settimane e i mesi. Arrivò l’autunno e gli alberi cominciarono a perdere le foglie e la cicala scese dall’albero ormai spoglio. Anche l’erba diventava sempre più gialla e rada. Una mattina la cicala si svegliò tutta infreddolita, mentre i campi erano coperti dalla prima brina.
Il gelo bruciò il verde delle ultime foglie: era arrivato l’inverno.
La cicala cominciò a vagare cibandosi di qualche gambo rinsecchito che spuntava ancora dal terreno duro e gelato.
Venne la neve e la cicala non trovò più niente da mangiare: affamata e tremante di freddo, pensava con rimpianto al caldo e ai canti dell’estate.
Una sera vide una lucina lontana e si avvicinò affondando nella neve: “Aprite! Aprite, per favore! Sto morendo di fame! Datemi qualcosa da mangiare!”
La finestra si aprì e la formica si affacciò: “Chi è? Chi è che bussa?”
“Sono io, la cicala! Ho fame, freddo e sono senza casa!”
“La cicala?! Ah! Mi ricordo di te! Cosa hai fatto durante l’estate, mentre noi faticavamo per prepararci all’inverno?”
“Io? Cantavo e riempivo del mio canto cielo e terra!”
“Hai cantato?” replicò la formica, “Adesso balla!”

Io amo questa storia: insegna che se non fai nulla, nulla mai potrai ottenere.
Purtroppo non è sempre così, la meritocrazia nel nostro paese non vien più presa in considerazione e chi più si merita si ritrova ad avere ciò che spetterebbe a chi si merita davvero poco e viceversa, è una profonda tristezza questa.

Quando ero piccola immaginavo la formichina come la mia mamma che faceva pomodori pelati, succhi di frutta, pesche sciroppate, marmellate, zucchine e melanzane sott'olio, giardiniera sott'aceto e chi più ne ha... più ne metta.
Infondo abito in campagna e qui le provviste per l'inverno si fanno davvero :)
Così son rimasta sempre appassionata dalle conserve, da quel fascino che hanno, da quel potere di saper trasportare nel tempo un odore o un sapore che anche se leggermente modificati hanno la capacità di portarti con i sensi in un'altra stagione.

Ecco: per me il profumo dell'estate è il basilico, verde, profumato, fresco... come non amarlo?
Ed ecco come lo trasporto nell'inverno :)
Prendete del buon basilico fresco, occorreranno tantissime foglie.
Lavatele bene ed asciugatele poi mettetele in un contenitore alto ed aggiungete del buon olio extravergine di oliva ed un pizzico di sale.
Utilizzando un minypimer ottenete una crema, vi basterà metterla nei stampi per ghiaccio e porre in congelatore, quando saranno pronti staccateli e metteteli in un sacchettino :)
E d'inverno quando occorrerà del buon basilico ne avrete una scorta niente male!

- Sarebbe bene non utilizzare dei stampi troppo grandi perchè rischiate di ottenere una quantità troppo grande per le vostre preparazioni: io ho trovato perfetto a questo scopo lo stampo per fingherfood di mini Savarin Pavonidea  con una sola volta ne fate 28 che sono già tanti e la dose è giustissima per la quantità di basilico adatta ad un sugo per 4 persone.

Stesso procedimento: ovvero realizzando cubetti potete mettere da parte Prezzemolo, salvia.. e tutto ciò che desiderate.
Potete utilizzare lo stesso procedimento anche con il succo di limone: questo mettendolo semplicemente nello stampo,
Potete persino preparavi dei cubetti per una limonata veloce unendo zucchero e succo di limone e congelando.
Insomma... di idee ce ne possono essere mille!

Ti potrebbe interessare anche:

42 Commenti

  1. ottima idea! Un abbraccio SILVIA

    RispondiElimina
  2. un'idea validissima, buona giornata ^^

    RispondiElimina
  3. Che genialata :) Il basilico l'ho sempre congelato in foglie in una vaschetta. Ora provo con quello rosso :) Baciotti

    RispondiElimina
  4. Erica monoporzione mai pensato.. solitamente colgo dal mio balcone lo metto all'interno di un barattolo con dell'olio rigorosamente d'oliva ma non sempre è comodo provero' sicuramente questa tua proposta adoro il basilico .... grazie a presto Giovanna

    RispondiElimina
  5. ecco cosa fare della piatagione di basilico di mia mamma! Grazieeee

    RispondiElimina
  6. Grazie questa idea non la conoscevo.buono a sapersi!

    RispondiElimina
  7. Ci pensavo giusto ieri sera. Se questo paese andasse avanti per meritocrazia, a questo punto forse non saremmo così conciati. Adoro anche io quella storia, molto significativa. Peccato che pochi la tengano presente...!! Un abbraccio e questa è proprio un'idea geniale! :)

    RispondiElimina
  8. Peccato che tu non abbia scritto questo post una decina di giorni fa... ho già trasformato quel che restava del mio basilico in pesto e congelato in mini-vasetti per 2-3 porzioni (che non è male, solo che finisco sempre per avere una quantità di pesto di gran lunga superiore al mio fabbisogno invernale). Ora mi stampo questo procedimento e lo farò sicuramente l'anno prossimo... grazie!

    RispondiElimina
  9. La cicale e la formica sono una delle mie srorie preferite...si capisce solamente quando si è grandi... Amo il profumo di basilico fresco e questa idea del conservarlo in piccoli cubetti è geniale... almeno è sempre pronto all'uso! buona giornata

    RispondiElimina
  10. Bella la storia! Mi sa che la racconterò ai miei nani!

    RispondiElimina
  11. Che bella la tua idea ....provvedo subito!!!!
    ciao a presto ^_^

    RispondiElimina
  12. Pensa che io per conservare il basilico avevo pensato di fare il pesto e congelarlo! ma così.. è decisamente più veloce!!! bella idea... baci e buona giornata :-)
    ps: che bella la novella della cicala e la formica.. l'ho riletta con molto piacere!!!

    RispondiElimina
  13. ottima idea mi piace tantissimo questa idea complimenti

    RispondiElimina
  14. Abbiamo usato uno stampo molto simile oggi, che coincidenza!! Ottima idea conservare il basilico in questo modo, anche perchè a me piace tantissimo sentirne l'odore nelle preparazioni, anche nei mesi freddi. Bravissima! Lo farò anch'io. ps: la storia della cicala e della formica ultimamente è un caposaldo della mia vita, e non solo in ambito culinario. Un abbraccio e a presto

    RispondiElimina
  15. Ma è qualcosa di meraviglioso Erica!

    RispondiElimina
  16. Il basilico, come nn amarlo!? hai ragione, pensa che io faccio il pesto e poi lo congelo così me lo ritrovo bello bello quando voglio! questa idea per il sugo mi piace molto e quindi perchè nn provare?!
    baci

    RispondiElimina
  17. le conserve per l'inverno sono una bellissima idea! Il basilico estivo poi è una di quelle cose che d'inverno fa veramente piacere avere!!

    RispondiElimina
  18. Ottima idea, grazie 1000!! Un abbraccione a presto da Agata! ^_^

    RispondiElimina
  19. e poi li tengo in congelatore no? che idea stupenderrima eri! bacio

    RispondiElimina
  20. Facevo così tempo fa, devo riprendere questa splendida abitudine, grazie per averlo ricordato ! Un abbraccio

    RispondiElimina
  21. Un'idea carinissima!! :)
    Ciao cara! Ti auguro una buona giornata!!
    Noemi

    RispondiElimina
  22. Ottima idea! Io ho fatto lo stesso con il prezzemolo! Buon pomeriggio

    RispondiElimina
  23. Questa si che è un'idea "gajarda"!!!
    Congelare la foglia non mi è mai piaciuto ma così è tutta un'altra storia!!!
    Conservare queste tradizioni e tramandarle di generazione in generazione è sempre cosa giusta!!!
    Un kiss

    RispondiElimina
  24. Brava anche io faccio la formichina e poi le mie amiche cicale vengono spesso a bussare, ma le faccio accomodare!!!

    RispondiElimina
  25. ecc, ho letto i tuoi commenti: tutti gentili. Solo a me capitano quelli che mi prendono in giro?????

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahahahahahahahahah! :D fratella che ci vuoi fare?

      Elimina
  26. ottima idea!!
    baci

    http://profumidipasticci.blogspot.it

    RispondiElimina
  27. ciao cara
    confermo appieno...sono un'ottima riserva profumata!!!
    Io faccio anche i cubetti per soffritto...tutto molto comodo!!!
    baci

    RispondiElimina
  28. Davvero un bel post :) E la tua idea è ottima :)))

    RispondiElimina
  29. Che amore! Io racconto sempre questa storia alle mie bimbe....questo post è ricco di emozioni! Complimenti!
    Un bacio
    Paola

    RispondiElimina
  30. Una delle mie storie preferite da quando sono bambina per un metodo di conservazione niente male!
    mi sa tanto che proverò a fare come dici tu per conservare il mio bel basilico invece di congelarlo!
    grazie infinite!
    bacioni

    RispondiElimina
  31. Idea super!!!!! Grazie mille!

    RispondiElimina
  32. Grandiosa idea....da fare.
    Un caro saluto.

    RispondiElimina
  33. bellissima ricetta e meravigliose foto:)

    RispondiElimina
  34. Grazie dell'utilissimo suggerimento, anzichè congelarlo in foglie d'ora in poi adotterò il tuo metodo! :-)

    RispondiElimina
  35. Bravissima! anche io li ho fatti a cubetti monoporzione... :)))

    RispondiElimina

Lettori fissi

Google+ Followers

Instagram