25 gennaio 2014

Pane integrale multiecereali (farina del Penny)

Sono solita fare la spesa in diversi posti, di solito ognuno ha del buono e bisogna saper scegliere.
Un giorno al penny la cassiera mentre cercavo la farina 0 per rinfrescare la pasta madre mi dice "ma sai... c'è una farina buonissima, ne vendiamo proprio tanta... però fa il pane nero e dentro ci sono un sacco di semi" ... così drizzai le antenne ma la cosa finì li.
Ieri mentre girellavo per gli scaffali mi torna la cosa alla mente e allora decido di andar a vedere questa fantomatica farina.
La trovo, ed è della Kuchenmeister questa: ''Mehrkorn Brot'' per pane multicereali con semi vari.
Mh! dall'immagine non sembra male, poi leggo gli ingredienti:
Farina di frumento integrale 72%, semi di lino, tritello d’avena 5%, farina di segale 5%, semi di girasole, pasta acida essiccata (ottenuta dalla macinazione di segale fermentato), sale iodato, estratto di malto (orzo, segale).*


Fattostà che sugl' ingredienti mi son detta mica è tanto male però! e così mi son presa non soltanto quella multicereali ma anche quella con semi di girasole.
Potevo resistere? certo che no! anche perchè è talmente facile che non serve altro che pesare la quantità di farina desiderata, aggiungervi la quantità di acqua scritta nella confezione e impastare....


Come sempre per dargli una forma più carina ho usato il mio cestino per lievitazione rotondo, lo conoscevate? ^__^ per maggiori info lo potete vedere qui!


Insomma... alla fine ho solo voluto provare un mix di farine che devo dire... a me è piaciuto tantissimo, costa solo 1,15 euro al kilo e ci si ottine più di 1,600 kili di pane, la prossima volta voglio formarci dei panini!

Ingredienti
300 gr di farina multicereali presa al penny (vedi foto sotto)
192 ml di acqua tiepida

Procedimento: 
  • Con la planetaria: mettete tutti e due gli ingredienti nella ciotola e fate andare per circa 5 minuti a velocità media fino ad ottenere un impasto elastico.
  • A mano: disponete la farina a fontana sul piano da lavoro (per me tappetino in silicone Pavoni), versate l'acqua al centro e lavorate come di consueto.
  • Mettete a lievitare in un luogo caldo nella casa (vicino ad un termosifone, nel forno con lampadina accesa ecc.) per circa 3 ore (la confezione indica solo un ora ma è troppo poco).
  • Al raddoppio formate la vostra pagnotta e infornate a 200°C in forno caldo non ventilato con pentolino di acqua nel fondo per circa 30'.
Per chi fosse interessato alla farina... è questa:



* ad onor del vero nella lista di ingredienti è presente anche: 
-correttore di acidità: acetato di sodio
- acidificante: acido malico
- agenti di trattamento della farina: fosfati di calcio ed acido ascorbico.
Quindi ho deciso di informarmi meglio su questi ingredienti scoprendo che sebbene i loro nomi scientifici non mi facevano intuire nulla di buono alla fine non sono poi così malvagi: l'avcetato di sodio infatti altro non è che ciò che si ottiene facendo reagire aceto con bicarbonato, l'acido ascorbico è la vitamina C, l'acido malico si trova nelle piante, nei vegetali e persino già anche nell'uomo... insomma direi che non è affatto male.



Ti potrebbe interessare anche:

11 Commenti

  1. che pane meraviglioso! a volte i discount nascondono inaspettate sorprese...

    RispondiElimina
  2. Ottimo pane. Una domanda: il lievito é già nella farina vero? Grazie, Sara

    RispondiElimina
  3. ciao Sara, si il lievito è già nella farina anche se ho pensato la prossima volta di provare ad aggiungerne 10 gr di birra in mezzokilo di farina perchè lievita poco e ci vuole molto tempo in questo modo :)

    RispondiElimina
  4. ne ho una simile anche io, bellissimo questo pane va provato, complimenti

    RispondiElimina
  5. Ciao! Io ne prendo di simili alla Lidl e mi trovo benissimo! Quindi capisco l'entusiasmo...adesso corro a spiare per il cestino...

    RispondiElimina
  6. E proprio ieri ho visto la farina per fare il pane nero... adoro tutte queste varianti e devo dire che da un po' di tempo a questa parte l' interesse di noi amanti della cucina verso prodotti di questo tipo ha sollecitato anche l' interesse della grande distrbuzione. E quindi diventa più facile reperire tante cosine che prima era difficile trovare, per la nostra felicità :)

    RispondiElimina
  7. ma che meraviglia questo pane, bravissima....

    RispondiElimina
  8. Erica ma è bellissimo questo pane! Anche io, ogni tanto, faccio la spesa al Penny... Ma non ho mai fatto caso a questa farina. Adesso che lo so, la metto già in lista per la prossima volta :)

    RispondiElimina
  9. Deve essere buonissimo questo pane...da provare!
    Ely di viaggioeassaggio.blogspot.it

    RispondiElimina
  10. e se mettessi una bustina di lievito secco nell'impasto?

    RispondiElimina
  11. Salve, sono diversi anni che preparo il Pane Integrale della Penny (a mio avviso meglio di quello Lidl) aggiungendo 1 etto di farina di farro (ottimo x chi è stitico) aumentando "di poco" l' acqua ottenendo così 2 belle pagnotte, per ca. 1,8 Kg.
    Prima di infornare, liscio la superficie con un cucchiaio bagnato e cospargo di semi di papavero (o crusca ) Voilà, con 1,15€ abbiamo il pane per 5/6 persone, per tutta la settimana.

    RispondiElimina

Lettori fissi

Google+ Followers

Instagram