5 ottobre 2016

Crostata di noci e nocciole - Ricetta tradizionale

La ricetta che vi propongo oggi è una ricetta speciale perchè appartiene alla rubrica Fatto da Lui!, che devo ammettere, questa volta è stato davvero bravissimo!, la torta di noci e nocciole.
Assomiglia un po' ad una crostata più che ad una torta, ma è particolarissima la farcia composta quasi esclusivamente da frutta secca.
La si può realizzare anche soltanto con le noci, o solo con le nocciole, o altra frutta secca che avete a disposizione come le mandorle.
Si tratta di una ricetta tradizionale, gli ingredienti sono pochissimi e poveri, quelli che un tempo, come oggi, si potevano trovare in ogni casa di campagna.
Tuttavia, benchè gli ingredienti utilizzati siano poveri si tratta di una torta davvero ricca.


 Ho assaggiato questa torta per la prima volta a casa di Donatella, la mamma del mio compagno che mi ha anche spiegato la tradizione che la riguarda, difatti, questa sua abbondanza di frutta secca ha una ragione: il buon auspicio, l'augurio di una vita ricca e bella.
Tradizionalmente veniva preparata il giorno prima delle nozze di una fanciulla e la mattina portata a casa della stessa per fare colazione.
Insomma come si direbbe oggi un cadeau augurale.
 

Sono rimasta affascinata dalla storia, ma soprattutto dal sapore.
E' proprio vero che le cose semplici sono sempre le migliori!


Se come noi avete piante di noci e di nocciole, raccoglietele, sbucciatele e mettetene qualche sacchetto sottovuoto di scorta per l'inverno.
Per questa torta non serve neppure tostare prima la frutta secca!



Ingredienti per uno stampo da crostata Per la farcia
300 gr di frutta secca
2 albumi
200 gr di zucchero semolato
Per la pasta
2 tuorli
5 cucchiai di zucchero
2 tazzine di latte
1/2 bustina di lievito
50 gr di burro a temperatura ambiente
circa 200 gr di farina

Procedimento:
  • Come prima cosa foderate lo spampo con carta da forno, ritagliatelo della dimensione giusta perchè poi vi sarà utile per la base.
  • Accendete il forno a 180°C e portatelo a temperatura.
  • Mentre il forno si scalda prepariamo la base: mescolate bene i tuorli con lo zucchero, aggiungete il latte, un pizzico di sale e la mezza bustina di lievito.
  • Lavorate qualche minuto poi aggiungete anche il burro e la farina, questa aggiungetela setacciata, in modo da evitare la formazione di grumi, e poca per volta*
  • Dovete ottenere un panetto liscio ed omogeneo, prendetelo ed aiutandovi con il mattarello stendetelo sopra la carta forno, fino ad arrivare alla dimensione necessaria.
  • La carta forno vi aiuterà molto nel trasportare la base dal piano di lavoro alla teglia, compiuta questa operazione bucherellatela con i lembi di una forchetta, se siete brave a trasportarla senza carta da forno potrete non imburrare lo stampo in silicone.
  • Adesso prepariamo la farcia: nel mixer mettete la frutta secca e lo zucchero (se il mixer che avete è troppo piccolo ripetete l'operazione in più volte), mixate ad intermittenza evitando di surriscaldare la frutta secca fino ad ottenere un composto granuloso: la frutta secca non deve ridursi totalmente in polvere, ma devono permanere pezzettini ben visibili.
  • A questo punto montate a neve ferma gli albumi con un pizzico di sale ed uniteli al composto di zucchero e frutta secca.
  • Versate il composto sulla bse preparata in precedenza ed aiutandovi con il dorso di un cucchiaio cospargetelo in modo uniforme.
  • Infornate a forno statico preriscaldato a 180°C per 35-40 minuti.
 Note personali:
* La quantità di farina necessaria varia anche in base alla grandezza delle uova, per questo potrebbe esserci bisogno di un po' più di farina oppure un po' di meno. Aggiungendola poca per volta potete essere sicuri di aggiungere la giusta quantità.
- La frutta secca può variare: potete utilizzarne una soltanto, oppure diverse tipologie mixate a seconda della vostra disponibilità.
- Si può usare anche farina integrale o macinata a pietra per la base.
- I 50 gr di burro possono essere sostituiti con 30 gr di olio 
- Se non avete lievito aggiungete un pizzico di bicarbonato.
- STAMPO PAVONIDEA PER CROSTATE 





Ti potrebbe interessare anche:

2 Commenti

  1. adoro i dolci "da credenza", soprattutto se profumati e saporiti per la presenza di frutta secca. Immagino già questa crostata assieme alla mia tazza di the fumante! ciao!

    RispondiElimina
  2. me la segno perchè sono pienissima di noccioline e prima che lo scoiattolino che è arrivato dal bosco se le pappi tutte voglio fare qualche dolcetto per noi!!!!

    RispondiElimina

Lettori fissi

Google+ Followers

Instagram