7 ottobre 2016

Minestra di tenerumi - Ricetta tradizionale siciliana

La ricetta che vi propongo oggi è davvero particolare, infatti prevede l'utilizzo dei tenerumi.
Si tratta della tradizionale ricetta della minestra di tenerumi alla palermitana.

Ma prima della ricetta facciamo un piccolo approfondimento: cosa sono i tenerumi?
Sono le foglie verdi della pianta della zucca lunga siciliana, le cime che, appunto, come dice il nome, sono le più tenere della pianta, nelle foto sotto potete vederli nel dettaglio.


La pianta dalla quale si raccolgono i tenerumi è tradizionalmente quella che produce la zucca che vedete nella foto sotttostante.
Tuttavia, noi usiamo spesso utilizzare anche le comuni piante di zucchina ed il risultato è ottimo lo stesso, si deve fare attenzione però a raccogliere sempre punte giovani e tenere.


Purtroppo mi rendo conto che non è un ingrediente facilmente reperibile, specialmente se vi trovate fuori dalla Sicilia, ma se avete un piccolo orto potete sempre coltivare  le zucche lunghe siciliane (crescono in tutta italia!), le quali hanno un sapore dolce, profumato, delicato. 
La consistenza è una via di mezzo tra la classica zucchina e la zucca arancione.


Purtroppo questa verdura non è molto commercializzata, ma se riuscite, per caso a trovarla, fidatevi di me e prendetela senza pensarci su due volte.


Il  sapore dei tenerumi ricorda la zucchina, le foglie sono tenere e profumate, insomma, vanno assolutamente assaggiate.
Sono verdure prettamente stagionali che si trovano solo quando cresce la pianta di zucchina, quindi il periodo estivo è ideale.

 
In casa mia si utilizzano sia per condire la pasta che per la tradizionale minestra di tenerumi alla palermitana, una minestra semplice ma davvero sorprendente.
Gli ingredienti sono pochi e poveri. 
Si tratta di una ricetta tradizionale quindi sorge dall'esigenza di mettere in tavola un pasto caldo e nutriente quando a disposizione c'era davvero poco...
Una piccola curiosità su questo piatto:  la tipologia di pasta che va assolutamente usata è lo spaghetto spezzato con le mani.


Ingredienti per 4 persone:
200 gr di foglie e cime di tenerumi
150 gr di zucchina lunga siciliana
1 spicchi di aglio
4 cucchiai di olio extravergine di oliva
2 pomodori sanmarzano freschi*
250 gr di spaghetti nr 3 spezzettati

Procedimento:
  • Lavate bene, controllando foglia per foglia i tenerumi: fate attenzione perchè tendono a trattenere un po' la terra. 
  • Quando sono ben puliti tagliateli a striscioline grossolane e metteteli in una pentola con acqua fredda.
  • Private la zucchina della buccia esterna e riducetela a piccoli cubettini, aggiungete anche questa nella pentola.
  • Accendete il fuoco, aggiungete un pizzico di sale e portate a bollore.
  • Nel frattempo in un padellino mettete l'olio e lo spicchio di aglio a fettine grossolane, fate soffriggere bene poi aggiungete il pomodoro a pezzetti. fatelo insaporire bene con l'olio per circa 5 minuti poi versate questo soffritto nella pentola con i tenerumi.
  • Il brodo è pronto, non vi resta che aggiungere gli spaghetti e portare a cottura.
Note personali:
- Se omettete il soffritto è una ricetta ideale per chi è a dieta, in questo caso potete aggiungere i pomodori direttamente in acqua, omettete l'aglio ed aggiungete un po' di triito di cipolla.
- Se non avete a disposizione pomodori freschi vanno benissimo anche i pelati.




Ti potrebbe interessare anche:

5 Commenti

  1. Mi fido dei tuoi suggerimenti... ho un piccolo orto, l'anno prossimo proverò a piantare questo tipo di zucca e proverò questa minestra che trovo deliziosa e molto appetitosa, molto adatta a queste serate che qui iniziano a essere troppo fredde e umide!!!
    Buon fine settimana
    Flora

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Flora, vedrai che non te ne pentirai! anche la zucchina è deliziosa, se la fai in umido sentirai che delizia ;)

      Elimina
  2. Da siciliana mi complimento con te e, se mi permetti,ti do un consiglio: quando rifarai questa minestra aggiungi tanto basilico alla salsa pick pack ( quella del pomodoro con l'aglio).... Vedrai la differenza.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. non sapevo si chiamasse pick pack! lo aggiungerò di sicuro ;)

      Elimina
  3. Innanzi tutto complimenti per il tuo blog, veramente interessante. Questa ricetta è veramente ottima e leggera!!

    RispondiElimina

Lettori fissi

Google+ Followers

Instagram