Sardella calabrese fatta in casa e rosette. - foto passo passo!-

Una delle cose belle dei viaggi è che si possono vedere, scoprire ed assaggiare sempre cose nuove.
Come sapete quest'estate siamo stati in calabria e non potevano non assaggiare i prodotti tipici di questa meravigliosa terra...la più curiosa, di cui non avevo mai sentito parlare è la sardella.
La sardella calabrese, detta anche il caviale del sud, caviale dei poveri, rosamarina o nudicella, è un prodotto tipico calabrese composto da novellame di sarda condito con spezie ed utilizzato per condire degli alimenti.
Non c'è un solo panificio dove siamo andati che non avesse le rosette con la sardella.
Gabri ne andava matto ed ho sempre pensato di provare a rifargliele una volta tornati a casa.

Qualche tempo fa comprai un "mattoncino" di novellame da un kilo, con metà ne feci delle frittelle, con l'altra metà avevo in programma di farci la sardella.... ed oggi eccola qui :)



La sardella è una ricetta tipica, tradizionale e come tale ho voluto cercare una ricetta che rispettasse a pieno la tradizione per fornirvi quella che secondo me è più coerente con quella tipica.
Così ho trovato questo video: purtroppo non sono abilitati i commenti ma colgo l'occasione per ringraziare il signore che l'ha condiviso.
Il video mostra la ricetta realizzata da una signora anziana, semplicemente, in casa con pochi ingredienti, proprio la ricetta originale che stavo cercando.
Così ho realizzato la sardella seguendo le sue indicazioni.

Ricetta della sardella calabrese fatta in casa

Ingredienti:
- 500 gr circa di novellame di sarda
- Abbondante paprika rossa dolce
- un cucchiaino di peperoncino in polvere
- Fiore di finocchio selvatico
- Sale qb

Procedimento: 

  • Come prima cosa ho preso il novellame (dovrebbe essere novellame di sarda come indica anche il signore nel video, ma in mancanza...) l'ho lavato delicatamente, salato abbondantemente e messo a scolare in un colino per circa un ora.
  • Poi ancora molto delicatamente l'ho unito a tutti gli ingredienti sopra indicati mescolando bene finchè non ho ottenuto un composto omogeneo.
  • Poi l'ho posto a riposare per circa un oretta per utilizzarlo per le rosette, nel video però vedete come potete conservarla.
Note personali:
- E' altamente personalizzabile la sardella infatti a piacere si potebbre aggiungere concentrato di pomdoro, aglio tritato, cipolla, trito di prezzolo o qualsivoglia altra spezie o erba fresca... certo, poi ci discosteremmo dalla ricetta originale.
Il modo più comune di utilizzare la sardella è farci delle rosette....
Ed è proprio così che l'ho utilizzata per la felicità del fidanzato :)


Rosette Calabresi con Sardella

Ingredienti per una teglia di 24 cm di diametro io Pavonidea
500 gr di farina
10 gr di lievito di birra
Acqua tiepida qb per impastare
Sale
500 gr circa di sardella come preparata in precedenza.

Procedimento:

  • Come prima cosa dovete preparare la pasta per le rosette disponendo a fontana la farina, sciogliete il lievito in poca acqua tiepida e ponetelo al centro: impastate la farina aggiungendo poca acqua per volta fino ad ottenere una bella palla liscia.
  • Adesso copritela e mettetela in un luogo caldo della casa a lievitare fino a raddoppio,
  • A questo punto lavoratela e con un mattarello spianatela cercando di dargli una forma rettangolare.
  • Spargete sopra la sardella ed arrotolate a formare un bel salsicciotto.
  • Tagliate il salsicciotto in tante "rosette" e diponetele nella teglia foderata con carta da forno.
  • Fatele lievitare di nuovo ancora 30' circa poi infornatele a 180°C fino a cottura per circa 30 - 40 minuti.
  • Fatele freddare e servite!
Spero che queste due ricette vi siano piaciute, voi siete mai stati in Calabria? o meglio ancora c'è qualcuno che ci abita? Com'è la vostra ricetta?


16 commenti:

  1. Mamma mia che ignorante sono.. non sapevo nemmeno cosa fosse.. :( Menomale che sai sempre come insegnarmi qualcosa tu, cara! E questa ricetta deve essere di un buono che consola! :) Un bacione forte! :)

    RispondiElimina
  2. Non conoscevo la sardella. Bella la ricetta.

    RispondiElimina
  3. Aiuto leggendo il titolo mi son detta che e' ? ma mi consola il fatto che non son da sola anche Ely, che nomino scusandomi per averlo fatto ma non ho avuto il piacere di conoscerla ancoira :))))))))))) .....l'aspetto è molto molto invitante grazie erica per farci scoprire tante golosita' come queste.... buona Giornata stelli... Giovanna

    RispondiElimina
  4. anch'io non conosceva la sardella....da come vedo dalle tue foto deve essere proprio buona!!
    grazie

    RispondiElimina
  5. Noooo... la sardella! Io la adoro!!!!! E sappi che ti amo per aver postato questa ricetta! ^__^

    RispondiElimina
  6. Mai mangiate e non so nemmeno che sapore possano avere però mi aggiornerò e proverò...buon fine settimana

    RispondiElimina
  7. La mia ricetta è simile, ma non metto il finocchio, non mi piace neanche nella salsiccia, ma è solo questione di gusti, le rosette di sardella sono buonissime, le hai fatte alla perfezione un bacio

    RispondiElimina
  8. Non avevo idea che si potesse fare anche in casa: bravissima, ti è riuscita splendidamente sia la sardella che le rosette!

    RispondiElimina
  9. l'ho mangiata in Calabria e ancora me la ricordo, che buona ! Sei bravissima, ricetta squisita!

    RispondiElimina
  10. Sono felicissima che tu l'abbia apprezzata: è un prodotto della mia provincia - Crotone - e la più tipica è quella di Crucoli!
    In quale località l'hai assaggiata?

    Ti lascio i miei link, anche se non è mia abitudine farlo nei commenti: sardella torta di rose piccanti , con il suggerimento di usarla anche nella frittata .......

    Concludo con la raccomandazione di non acquistare mai il bianchetto congelato, perché non si tratta del pesce mediterraneo, ma dei "rossetti" pesce congelato di provenienza cinese!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Milena, ovviamente adesso verrò a vedere le tue ricette con la sardella e ti ringrazio per le preziose info.
      In effetti avevo qualche dubbio su quel pesce, che grazie alla tua informazione non comprerò più :)
      Io l'ho assaggiata a Mandatoriccio in provincia di Cosenza questa estate :)
      Grazie ancora per le preziose informazioni, vengo a vedere nel tuo blog! ;)

      Elimina
  11. Una postilla e poi "mi taccio": tradizione vuole che la sardella non si consumi subito, ma dopo un periodo variabile di stagionatura in appositi "recipienti di terracotta" ....

    RispondiElimina
  12. Heheheh!!!! Buona vero!!!! Da parte di una calabrese orgogliosa dei prodotti della propria terra!

    RispondiElimina
  13. Complimenti per il blog, molto professionale! Le ho lasciato un piccolo cadeau nel mio blog-posticino. Passi a trovarmi.
    Amelie

    RispondiElimina
  14. Erica tesoro passa a trovarmi sopresa ti attende

    http://frollaecioccolato.blogspot.it/2012/11/altro-premio-altri-ringraziamenti.html

    bacio Giovanna

    RispondiElimina