8 febbraio 2016

Tutto sullo yogurt fatto in casa - i segreti per ottenere yogurt compatto, cremoso e non acido

Oggi parleremo di yogurt: come farlo in casa?
Partiamo dal principio: Cos'è lo yogurt e perchè mangiarlo.
Lo yogurt è un alimento ottenuto dall'azione di due batteri (Lattobacillus bulgaricus e lo Streptococcus thermophilus) sul latte.
E' particolarmente sano perchè ricco di calcio, vitamine, proteine e fermenti, è facilmente digerbile perchè contiene meno lattosio e per questo favorisce il buon funzionamento dell'intestino.


Facciamo attenzione però allo yogurt alla frutta che spesso si acquista al supermercato perchè è ricco di conservanti, coloranti, aromi artificiali e soprattutto moltissimi zuccheri aggiunti per contrastare il naturale gusto leggemente acido dello yogurt.
Preparare lo yogurt in casa è davvero facile, soprattutto con l'uso di una yogurtiera (che ha un costo davvero piccolo, considerate in media 30 euro!) quindi eccovi alcuni consigli su come prepararlo al meglio e come aromatizzarlo alla frutta.


Prima di iniziare con la ricetta però vorrei sotttolineare quanto sia economico prodursi lo yogurt in casa, soprattutto se ne siete dei grandi consumatori.
Costo di un vasetto di yogurt da utilizzare come starter : circa 1 euro (prendete quello buono!) - o in alternativa fermenti acquistabili in farmacia per circa lo stesso prezzo.
Latte intero ad alta qualità: circa 1,50 euro
TOT per 7 vasetti di yogurt : 2,50 euro!
E considerate che le volte dopo potete utilizzare come starter un vasetto di yogurt voi preparato diminuendo ancora di più i costi!

Nonostante sia facilissimo farsi lo yogurt da soli molti, provandoci, non riescono mai a raggiungere il grado di acidità o la consistenza preferiti così, dopo vari esperimenti ho creato uno specchietto utile.


Come vi dicevo, la yogurtiera mi ha permesso di sperimentare, arrivando così a capire bene le rese dei diversi tipi di latte in fatto di consistenza ed gli effetti del tempo di "cottura" sul grado di acidità.
Come vedete l'acidità è direttamente proporzionale al tempo, e la densità lo è alla quantità di grassi presenti nel latte.

Adesso piccoli consigli preliminari sugl'ingredienti:
- lo yogurt: prendetelo intero con la  scadenza il più lontana possibile, questo è  importante perché più lontana è e maggiore sarà il potere dei fermenti lattici contenuti all'interno del vasetto.
Solitamente durante i rifornimenti i prodotti vengono sistemati secondo la data di scadenza mettendo nella parte posteriore i prodotti con una scadenza più lunga, guardate sempre nella parte interna.
- Latte: sceglietelo ad alta qualità, meglio se intero o parzialmente scremato se preferite uno yogurt meno grasso.Se prendete il latte fresco prima di utilizzarlo dovete portarlo ad na temperatura di 90°C per poi farlo freddare a 40° circa prima di poter fare lo yogurt, in modo da essere sicuri di eliminare i batteri che potrebbero interrompere la reazione. Se prendete latte a lunga conservazione questo passaggio può essere omesso.
- Frutta: sceglietela di stagione e possibilmente biologica.

Per 7 barattolini
14 cucchiaini di yogurt bianco
1 litro di latte del tipo che preferite in base allo specchietto superiore

Procedimento:
  • Mettete in ogni barattolino due cucchiaini di yogurt, aggiungete il latte e mescolate bene.
  • Chiudete con il coperchio e ripetete il passaggio per ogni vasetto.
  • Una volta riempiti tutti sistemateli nella yogurtiera ed azionate per il tempo desiderato a seconda del grado di acidità che preferite.
  • Una volta trascorso il tempo noterete che lo yogurt è un po' liquido, sistemate i vasetti in frigo per almeno 4 ore prima di consumarli così si addenserà da solo.
Una volta pronto come posso aromatizzarlo alla frutta?
Scegliete la frutta che più vi piace, riducetela in pezzi se gradite, oppure in purea se preferite, e mescolatele allo yogurt. Semplicissimo.
Fate attenzione a non commettere questi errori:
- non mettete la frutta con lo yogurt ancora caldo altrimenti si produrrà troppa acqua di vegetazione,
- non aggiungete la frutta troppo tempo prima anche con lo yogurt freddo perchè otterrete lo stesso effetto acquoso, inoltre la frutta potrebbe ossidarsi ed oltre che al sapore ne risentirebbe anche il colore ne risentirebbe.

Una volta pronto come posso aromatizzarlo alla frutta?
Scegliete la frutta che più vi piace, riducetela in pezzi se gradite oppure in purea se preferite e mescolatele allo yogurt. Semplicissimo.
Fate attenzione a non commettere questi errori:
- non mettete la frutta con lo yogurt ancora caldo altrimenti si produrrà troppa acqua di vegetazione,
- non aggiungete la frutta troppo tempo prima anche con lo yogurt freddo perchè otterrete lo stesso effetto acquoso, inoltre la frutta potrebbe ossidarsi ed oltre che al sapore ne risentirebbe anche il colore ne risentirebbe.

 Nel prossimo articolo come Preparare lo yogurt greco in casa:
 

Ti potrebbe interessare anche:

3 Commenti

  1. Con quella scheda forse hai risolto la mia avversione allo yogurt. Non amo il suo sapore acido quindi dovrei provare la variante "cremoso non acido"! Cremoso è la parola che più mi intriga in verità ;-)

    RispondiElimina
  2. Ma che interessante scheda!
    So benissimo che non si tratta della stessa cosa, ma pensi che si possa fare il kefir con la yogurtiera utilizzando i tuoi stessi consigli?Lo scorso anno lo facevo ma con il caldo estivo ho avuto qualche sorpresa di acidità..pensavo che la yogurtiera potrebbe dare sempre la stessa temperatura ai bacilli..Che ne pensi?

    RispondiElimina
  3. Ciao Martina, anche io per un periodo ho provato a fare il kefir, ne parlo qui: http://www.ogniricciounpasticcio.com/2013/06/come-fare-il-kefir-in-casa-foto-passo.html quindi lo conosco bene, ma non ho mai provato a cambiare tipologia di latte quindi non saprei dirti che effetto ha sul grado di acidità e sulla consistenza, sarebbe una prova carina da fare: se provi mi fai sapere?
    Per quanto riguarda la temperatura della yogurtiera: io il Kefir lo tenevo a temperatura ambiente, hai ragione, in estate si inacidiva molto prima. puoi provare partendo dalle 5 ore in yogurtiera e vedere che risultato ottieni, secondo me non è una cattiva idea!

    RispondiElimina

Lettori fissi

Google+ Followers

Instagram