27 aprile 2015

THAINA fatta in casa (con foto passo passo)

La tahina è una particolare salsa di sesamo preparata a partire da semi di sesamo, tostati e triturati.
Nasce dalla cucina medio- orientale ove rappresenta uno dei principali ingredienti per preparazioni tradizionali come hummus, falafel e baba ghanoush, ma il suo utilizzo si espande presto ad altri paesi come quelli arabi e nord africani.
Prepararla in casa non solo è facilissimo ma anche conveniente sotto due punti di vista: il primo è quello economico, infatti vi costerà davvero poco (per un vasetto siamo sui 2 euro circa), il secondo è quello salutare: eviterete infatti tutti gli additivi che sono presenti nelle thaine industriali.


La thaina  non solo è un ingrediente perfetto per condire ma è anche ottima per essere consumata da sola, il sapore è quello di una pasta di frutta secca tostata, mi ricorda un po' la consistenza del burro di arachidi ma a differenza di questo ha un sapore di tostatura ben deciso.

Nella foto inferiore vedete la giusta consistenza: occorre che il composto sia cremoso ed omogeneo, la consistenza perfetta si ha quando facendo cadere qualche goccia da un cucchiaino questa rimane sovraimpressa per qualche secondo per poi risparire nella massa di thaina.


La thaina oltretutto vanta non solo un ottimo gusto ma anche numero proprietà benefiche: è ricca di vitamina E, B, sali minerali come magnesio, silicio, fosforo, zinco e ferro. Questo la rende indicata  nei casi di esaurimento o durante le convalescenze. I semi di sesamo contengono inoltre due sostanze, la sesamina e la  sesamolina, che hanno dimostrato di avere un ruolo attivo nell'abbassare il tasso di colesterolo prevenendo le patologie  cardiocircolatorie. La sesamina tutela il fegato dai danni derivanti da ossidazione.
Va comunque usato con moderazione  poiché, come tutti gli alimenti derivati dall'intero seme di una pianta, è molto calorico: 100 g di thaina apportano circa 600 calorie, ma va valutata la quantità di olio aggiunto alla farina di sesamo, che può alzare il computo delle calorie  finali.


Ingredienti per un vasettino:
100 gr di semi di sesamo
2-3 cucchiai di olio di semi  io ho usato quello di mais
2 cucchiaini di farina
1 pizzico di sale
Qualche goccia di olio di sesamo - opzionale

  • Fate tostare per qualche minuto i semi di sesamo in una padella antiaderente, devono diventare appena appena più scuri (attenzione a non esagerare altrimenti si sviluppa un retrogusto amaro sgradevole! ). La tostatura dei semi si può fare anche nel forno, l'importante è mescolarli.
  • Mettete i semi di sesamo in un tritatutto ed aggiungete l'olio, il sale e la farina, adesso azionate fino a che non otterrete una crema omogenea come quella in foto. Se notate che un po' di semi si attaccano alle pareti spingeteli di nuovo verso la massa e terminate di tritare*.
  • La consistenza finale, come detto in precedenza, deve essere cremosa (vedi foto superiori).

Come si conserva?
Una volta pronta mettetela in un vasetto di vetro con coperchio e ponetela in frigo
Quanto dura?
Può conservarsi in frigo anche per 3 settimane, fatene poca per volta onde evitare di sprecarla, ancora non ho provato a congelarla quindi non saprei, presto vi farò sapere!

Note personali:
- * Io ho optato per tritare un po' per volta: 10 secondi di azione del mixer e 30 sec di pausa in modo tale da evitare di surriscaldare la pasta.
- Una volta pronta assaggiatela ed aggiustate di sale.

Io l'ho usata negli Hummus (di ceci, fagioli e lenticchie) , nel pollo al sesamo e per preparare il Baba Ghanoush (o Mutabbal), presto ne sperimenterò altre.


Ti potrebbe interessare anche:

2 Commenti

  1. La tahina è la base per tantissimi piatti e in Italia è carissima. Mi segno la tua proposta home-made e low cost! Bravissima.

    RispondiElimina

Lettori fissi

Google+ Followers

Instagram